Autoritratto con scimmia e pappagallo di Frida Kahlo: analisi completa dell’opera

Studiamo un lavoro fondamentale di Frida Kahlo, popolare artista del Novecento, autrice di innumerevoli lavori di grande importanza nella storia dell’arte contemporanea. Tra i quadri più popolari di questa artista, abbiamo già studiato Pensando alla morte ed il Ritratto di Alicia Galant, ed oggi, proseguiremo nell’indagine che vede protagonista Frida, studiando l’Autoritratto con scimmia e pappagallo.

Qui potrai leggere tutte le informazioni su questo Autoritratto di Frida Kahlo, come: data di realizzazione, dimensioni, luogo di conservazione ed analisi del quadro.

autoritratto-con-scimmia-e-pappagallo-frida-kahlo-analisi

“Autoritratto con scimmia e pappagallo” Frida Kahlo

Data di realizzazione: 1942

Dimensioni: 43,2 x 54,6 cm

Dove si trova: Collezione di Constantini, Buenos Aires, Argentina

Questo autoritratto è molto interessante per diversi aspetti. Frida decide di ritrarsi mentre è girata di tre quarti verso lo spettatore, ricordando i soggetti dei ritratti rinascimentali tipici di Botticelli ed altri artisti del tempo.

L’artista ripone grande attenzione nel resa perfetta soprattutto le sue sopracciglia unite, il segno distintivo della suo aspetto.

I capelli sono raccolti e mescolati con un accessorio tipico della tradizione messicana; grazie a questo artificio, Frida mostra il suo lungo collo.

Alle spalle, si nota un gran numero di foglie ricche di vita e di colore diverso: questo elemento simboleggia il grande amore che lei aveva per il giardino della Casa Blu (che era il luogo dove era nata e cresciuta), curato da lei stessa.

La presenza dei due animali, ovvero la scimmia ed il pappagallo, indicano invece il suo grande interesse per questo mondo, come si può notare in un altro lavoro dell’artista, l’Autoritratto con Bonito.

La composizione è ricca di vita, come si può notare dai colori accesi rintracciabile nelle gote della protagonista, nelle foglie, nell’abbigliamento di Frida e negli animali.

Le principali tonalità utilizzate in questo autoritratto sono: il giallo, il marrone, il rosso, il verde ed il nero.

Mentre Frida ed il pappagallo rivolgono il proprio sguardo verso lo spettatore, la scimmia, arrampicata sul petto dell’artista, sta guardando il pappagallo.

Dario Mastromattei

Sono un blogger curioso ed appassionato di tecnologia. Il mio obiettivo è far conoscere i capolavori della storia dell'arte nell'era digitale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.