La Fornarina Raffaello: Analisi e Descrizione

La Fornarina di Raffaello Sanzio: La Misteriosa Amante del Pittore

La Fornarina
Quadro la Fornarina
Data di Realizzazione1520
Dimensioni87 x 63 cm
TecnicaOlio su Tavola
Dove si TrovaGalleria Nazionale d’Arte Antica, Roma
Informazioni La Fornarina di Raffaello Descrizione

Caratteristiche Chiave

  • Non si sa con certezza se quest’opera sia stata realizzata soltanto da Raffaello o se sia stata modificata da Giulio Romano, un suo aiutante
  • L’identità della modella è un mistero: potrebbe essere Margherita Luti, amante di Raffaello oppure è un ritratto di una bellezza ideale che non esiste
  • La protagonista assomiglia ad altre donne protagoniste dei lavori di Raffaello (Madonna Sistina, la Velata, Trionfo di Galatea)
  • Alle spalle della donna c’è un cespuglio di mirto, una pianta sacra a Venere, dea della bellezza

Storia

Raffaello è rimasto sempre legato a questa misteriosa opera.

La bella Fornarina, infatti, è rimasta nello studio del pittore fino alla sua morte (che è avvenuta poco tempo dopo averla completata).

Nei documenti si sente parlare per la 1° volta di questa tela nella collezione di Caterina Nobili Sforza di Santa Flora.

Poi:

  • La contessa muore nel 1605 e la tela finisce nella collezione del genero, Giovanni Buoncompagni, il duca di Sora
  • Nel 1642 la famiglia Barberini l’acquista
  • Nel ‘900 viene conservata per qualche tempo nella Galleria Borghese

Ed oggi si trova nella Galleria Nazionale di Palazzo Barberini.

Descrizione

La protagonista dell’opera è una giovane donna con il seno scoperto.

È girata un po’ verso sinistra, ed anche il viso è girato di tre quarti, mentre i suoi occhi vanno nella direzione opposta, guardando dritto verso di noi.

Particolare direzione busto volto sguardo La Fornarina Raffaello
La Fornarina Raffaello (Particolare della direzione del corpo)

Addosso non ha nulla se non un velo trasparente che le copre parte del corpo e che cerca di sorreggere con la mano destra.

Particolare velo la Fornarina Raffaello
Raffaello Fornarina Velo Particolare

Sulle gambe invece c’è un mantello rosso.

Particolare mantello rosso la Fornarina Raffaello
Fornarina Quadro particolare mantello rosso

In testa indossa un turbante di seta, decorato con motivi a righe di colore azzurro.

Particolare turbante la Fornarina Raffaello
Particolare Turbante Quadro Raffaello La Fornarina

Tra i capelli si vede anche un gioiello, composto da un paio di pietre preziose ed una perla.

Perla la Fornarina Raffaello sanzio dettaglio
“La Fornarina” Raffaello Sanzio (Dettaglio perla)

Ha un anello su un dito della mano in primo piano.

Particolare anello La Fornarina Raffaello
La Fornarina dipinto particolare anello

Ma il particolare più interessante è quel bracciale che si vede sulla destra e che riporta la firma di Raffaello.

Particolare bracciale firma Raffaello La Fornarina
Fornarina Raffaello particolare bracciale con firma

Dietro di lei sembra che ci sia solo oscurità, ma guardando bene si vedono le foglie di un cespuglio di mirto (che è una pianta sacra a Venere, la dea della bellezza) e qualche angolo di cielo.

Particoalre cespuglio mirto La Fornarina Raffaello
Particolare del cespuglio di mirto

Curiosità: Dopo aver sottoposto l’opera ad un esame radiografico è stato scoperto che prima, al posto del cespuglio di mirto c’era un paesaggio ispirato a Leonardo da Vinci. In seguito l’artista l’ha coperto con la pianta.

A proposito di modifiche, è molto probabile che a realizzare questo capolavoro non sia stato solo Raffaello, ma in seguito potrebbe averci lavorato anche il suo collaboratore, Giulio Romano.

Alcuni studiosi pensano addirittura che Raffaello abbia dipinto La Velata, mentre Giulio La Fornarina.

Confronto La Fornarina La Velata Raffaello Sanzio
Contronto “La Fornarina” (sinistra) e “La velata” (destra)

Questa incertezza è dovuta soprattutto alla differenza di stile che c’è tra il volto della donna ed il suo corpo.

Identità

Uno degli aspetti più misteriosi di quest’opera è l’identità della donna.

Alcuni studiosi hanno notato una somiglianza tra lei e la protagonista del Trionfo di Galatea, della già citata Velata e la Madonna Sistina.

Confronto Fornarina Velata Madonna Sistina Galatea protagonista analisi
In senso orario: “La Fornarina”, “La Velata”, “Madonna Sistina” e “Trionfo di Galatea”

Si pensa che la modella possa essere Margherita Luti, l’amante di Raffaello.

Secondo altri invece non è una donna esistente ma è soltanto l’immagine fantasiosa di una bellezza idealizzata.

Domande Frequenti sulla Fornarina di Raffaello

Dove si trova il dipinto della Fornarina di Raffaello?

Il dipinto della Fornarina di Raffaello si trova a Roma, nella Galleria Nazionale di Palazzo Barberini.

Chi era la Fornarina del quadro di Raffaello?

Non è certo, ma la Fornarina del quadro di Raffaello potrebbe essere Margherita Luti, amante del pittore; oppure la donna ritratta non esiste ed è solo la rappresentazione di una bellezza idealizzata.

Dario

Sono un blogger curioso ed appassionato di tecnologia. Il mio obiettivo è far conoscere i capolavori della storia dell'arte nell'era digitale.

5 risposte

  1. Annateresa ha detto:

    Grazie Dario per questo articolo molto esaustivo e coerente, è alquanto complesso al giorno d’oggi trovare delle persone competenti che condividono le loro conoscenze

  2. Mariagrazia ha detto:

    Articolo molto interessante e originale. Complimenti.

  3. FABRIZIO ha detto:

    Complimenti per l’esauriente spiegazione.
    Riguardo i volti effettivamente una certa somiglianza c’è.
    Opinione mia (da ignorante), forse la Fornarina l’ha iniziata e terminata solo nei dettagli Raffaella mentre la meravigliosità della Velata è incredibile, opera in toto di Raffaello
    Grazie Dario!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *