Il mio vestito è appeso lì di Frida Kahlo: analisi completa dell’opera

Apprestiamoci a conoscere uno tra i più importanti lavori realizzati da Frida Kahlo, grande artista del Novecento ed autrice di innumerevoli opere. Abbiamo già parlato di alcuni lavori di questa artista, come l’Autoritratto – Il tempo vola e l’Autoritratto con treccia; oggi proseguiremo con la conoscenza di Frida attraverso lo studio dell’opera intitolata Il mio vestito è appeso lì.

Qui potrai leggere tutte le informazioni su questo lavoro di Frida Kahlo: data di realizzazione dell’opera, dimensioni, luogo di conservazione attuale, analisi e descrizione del quadro.

My Dress Hangs There Frida Kahlo descrizione

“Il mio vestito è appeso lì” Frida Kahlo

Data di realizzazione: 1933

Dimensioni: 46 x 50 cm

Dove si trova: Hoover Gallery, San Francisco, California, U.S.A.

L’opera, prima di giungere alla Hoover Gallery, venne originariamente donata dalla stessa Frida al dottor Leo Eloesser, il medico di fiducia dell’artista; alla morte del dottore, l’opera venne ereditata dalla sua compagna, la quale, nel 1993 la vendette.

Questo lavoro è l’unico collage che Frida Kahlo realizzò nella sua intera carriera; Frida lo iniziò nel 1933, mentre suo marito, Diego Rivera, stava dipingendo un’opera d’arte presso il Rockefeller Center.

A Frida non piaceva l’America, e voleva assolutamente tornare in Messico; suo marito, affascinato dal progresso tecnologico e dalla popolarità dello stesso paese, era contrario all’opinione di Frida, e così da quel litigio, nacque questo collage.

Nella confusa composizione, emergono tutti quegli elementi che rappresentano la superficialità del capitalismo americano, testimoni del crollo della società umana e della relativa distruzione dei valori vitali per gli uomini.

In tanti altri capolavori di Frida, è molto facile riconoscere il protagonista, ma in questo caso, è praticamente impossibile rintracciare un punto focale, a causa della grande confusione.

Nel grande fermento, al centro, si nota solo il tradizionale vestito proveniente da Tehuantepec: un abito che Frida indossava molto spesso.

Quest’abito, posto al centro dell’opera, è vuoto ed è circondato unicamente da un grande caos, quasi ad indicare che Frida si trova solo fisicamente in America, mentre la sua vera vita è in Messico.

L’artista comincia questo lavoro mentre si trova a New York e lo completa solo quando ritorna in Messico con Diego.

Al termine della realizzazione, Frida aggiunge una scritta sulla parte posteriore dell’opera, che recita “Ho dipinto questo a New York, mentre Diego stava dipingendo il murales al Rockefeller Center”.

 

Dario

Sono un blogger curioso ed appassionato di tecnologia. Il mio obiettivo è far conoscere i capolavori della storia dell'arte nell'era digitale.

Una risposta

  1. PAOLO GARBELLI ha detto:

    Mi sono innamorato di quest’opera! Grazie mille dell’articolo e di tutto ciò che pubblichi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.