Ragazzo con la pipa di Pablo Picasso: analisi completa del quadro

Analizziamo e scopriamo tutto quello che riguarda uno dei maggiori capolavori realizzati da Pablo Picasso, pittore ed artista di grandissimo prestigio, vissuto nel Novecento e che ha creato delle eccellenti opere d’arte che sono entrate di diritto nella storia dell’arte contemporanea. Uno dei lavori più apprezzati e conosciuti di questo artista, è senza dubbio Il vecchio chitarrista cieco, facente parte della produzione legata al periodo blu di Picasso. Il quadro che andremo a conoscere oggi è intitolato “Ragazzo con la pipa”.

In questo articolo potrete leggere tutto quello che riguarda “Ragazzo con la pipa” Picasso, come data di realizzazione, dimensioni, luogo di conservazione, ed inoltre anche la descrizione approfondita della composizione.

Ragazzo con la pipa Pablo Picasso analisi

“Ragazzo con la pipa” Pablo Picasso

Data di realizzazione: 1905

Dimensioni: 100 x 81,3 cm

Dove si trova: Collezione privata

L’opera è stata acquistata in origine nel 1950 da John Hay Whitney, per poi essere venduta nel 2004 ad un collezionista privato dalla casa d’aste Sotheby’s. Attualmente l’opera fa parte della collezione privata del vincitore dell’asta, il cui nome non è stato rivelato.

Il quadro, realizzato nel 1905, fa parte del periodo rosa di Picasso, fase artistica di grande importanza dell’artista spagnolo, caratterizzato dalla presenza del rosa ed anche dalla scelta di temi leggeri ed ilari. Nel “Ragazzo con la pipa” di Picasso, il protagonista è un giovane uomo che ha tra le mani una pipa, mentre guarda lo spettatore, con alle spalle un muro decorato.

Riguardo al soggetto sono stati fatti diversi studi: Picasso stava lavorando a questa tela mentre Picasso si trovava a Montmartre, e proprio durante quegli anni, in quel luogo , vi erano molte persone legate al mondo dello spettacolo, come acrobati e pagliacci, molti dei quali sono stati scelti da Picasso come soggetti per le sue opere.

Nonostante le domande effettuate al pittore, egli non ha mai rivelato l’identità di questo ragazzo, e non è ben chiaro se Picasso non abbia chiarito questo mistero volontariamente oppure non fosse veramente a conoscenza del nome del soggetto; usualmente, molti critici ed esperti, fanno riferimento a questo ragazzo con il nome di “p’tit Louis”.

Picasso ha studiato a lungo la posizione del ragazzo, realizzando innumerevoli schizzi cercando la migliore angolazione: alla fine, ha preferito scegliere di rappresentare il soggetto seduto, con il braccio piegato, mettendo il primo piano la pipa; successivamente ha fatto indossare al ragazzo anche una ghirlanda di fiori.

I colori utilizzati sono vari: rosso, bianco, giallo, rosa e verde per i fiori che circondano le spalle del ragazzo, quasi come se fossero delle vere e proprie ali; il blu viene utilizzato per l’abito del soggetto, in netto contrasto con tutto l’ambiente circostante, ed allo stesso modo anche la pelle molto chiara risalta rispetto a tutto l’ambiente circostante. Sono molto pochi i dettagli riportati su tela da Picasso inerenti al ragazzo, dando la possibilità allo spettatore di concentrare la propria attenzione su tutta la scena.

  • 2
    Shares

Dario Mastromattei

Sono un blogger assetato di conoscenza curioso ed appassionato di tecnologia. Il mio obiettivo è far scoprire i capolavori e la bellezza dell'arte nell'era digitale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *