I littori riportano a Bruto il corpo dei suoi figli di Jacques-Louis David: analisi completa del quadro

Voglio parlarti di uno dei più famosi quadri di Jacques-Louis David. Nella sua carriera, questo pittore francese ha dipinto quadri di vario genere: ritratti, scene della mitologia greca, quadri di cronaca e molto altro. L’opera di cui voglio raccontarti tutto oggi, può essere inserita nella serie dei quadri storici, poiché ha per soggetto un triste evento della storia romana, ed è intitolato i littori riportano a Bruto il corpo dei suoi figli.

Quando avrai finito di leggere questo articolo, posso assicurarti che saprai alla perfezione chi era Bruto, chi erano i littori, il perché stanno trasportando il cadavere dei figli di Bruto, dove è conservato il quadro e molto altro ancora.

i littori riportano a bruto i corpi dei suoi figli Jacques-Louis David analisi

“I littori riportano a bruto i corpi dei suoi figli” Jacques-Louis David

Data di produzione: 1789

Dimensioni: 323 x 422 cm

Dove si trova: Musée du Louvre, Parigi

Prima di tutto, voglio farti capire in che periodo della sua vita, David, ha dipinto quest’opera. Nella piccola scheda qui sopra ho scritto il 1789: come ben sai, questo è l’anno della presa della Bastiglia, l’evento culminante della Rivoluzione Francese.

Quando David stava dipingendo questo lavoro su Bruto, non è ben chiaro se la presa della Bastiglia era avvenuta poco prima o se avesse completato l’opera ancor prima dello scoppio della Rivoluzione.

In ogni caso, la corte reale, trovandosi in una situazione di precario equilibrio, stava attuando varie manovre per tenere sedato lo spirito popolare ed evitare che i cittadini insorgessero nuovamente, pretendendo anche la loro eliminazione, come avevano fatto con il governo precedente.

La tensione politica era così palpabile, che la corte reale doveva valutare se qualsiasi opera d’arte che sarebbe stata esposta successivamente, avesse un contenuto che avrebbe potuto infastidire il popolo.

A questo proposito, il lavoro di David che ritraeva Lavoisier, il famoso chimico, fu vittima della censura della corte reale, poiché Lavoisier era un giacobino, e e quell’opera fosse stata esposta, avrebbe fatto scoppiare una rivolta che sarebbe sfociata poi in un violento tumulto.

Anche questo quadro di Bruto ed i littori venne censurato, ma quando questa notizia venne riportata dai giornali, il pubblico si infuriò, ed il quadro riuscì a salvarsi, solo grazie al tempestivo intervento di alcuni studenti di arte, i quali difesero valorosamente il quadro di David.

Questo era il contesto in cui nacque e fu esposta l’opera di David. Adesso voglio parlarti dei dettagli di questo lavoro e farti capire perché è così importante.

Sai chi era Bruto? Te lo dico immediatamente.

Il suo nome completo è Lucio Giunio Bruto, ed è l’uomo che vedi in primo piano, a sinistra, in penombra e con l’aria preoccupata.

Bruto fu il fondatore della Repubblica romana, vissuto nel VI secolo a.C., ed era disposto a tutto pur di mantenere viva questa forma di governo, addirittura far assassinare i suoi figli.

Vuoi sapere perché Bruto fece uccidere i suoi figli? Questi, differentemente dal padre, non erano amanti della Repubblica, ma, al contrario, volevano restaurare la monarchia e per fare ciò, era necessario fare un colpo di stato.

Bruto, avendo scoperto questa terribile minaccia, diede il doloroso ordine di eliminare i suoi figli, sacrificando la propria famiglia per il benessere della Repubblica.

Questo quadro ha un significato palesemente repubblicano, e nel fragile contesto della Francia rivoluzionaria, i suoi effetti sul pubblico vennero amplificati.

David ha scelto con attenzione quale momento ritrarre della tragica storia di Bruto: piuttosto che mettere in risalto la violenta uccisione dei figli, sceglie di dipingere le sue terribili conseguenze.

Guarda con attenzione il quadro: prima ti ho già detto che l’uomo in primo piano è proprio Bruto. Guardalo con attenzione.

Ha un’espressione scioccata, e mentre i littori (ovvero i protettori del re che vennero istituiti con l’avvento di Romolo) stanno trasportando i cadaveri dei suoi figli, Bruto non li riesce nemmeno a guardare, consapevole del prezzo che ha dovuto pagare per garantire la salvezza della Repubblica.

Particolare Bruto Jacques-Louis David analisi

Particolare di Bruto

La sua posizione trasuda nervosismo: ha i piedi incrociati, è seduto senza appoggiarsi sullo schienale, con una mano vicino alla faccia (che probabilmente fino a poco prima aveva tenuto in faccia, combattuto internamente tra la sua famiglia ed il suo Stato), e con l’altro ha in mano un foglio.

Particolare foglio Bruto corpo figli littori Jacques-Louis David analisi

Particolare del foglio con gli ordini di Bruto

Non è un foglio qualunque, anzi, ha un significato ben preciso: è l’ordine scritto dell’omicidio dei suoi figli, che aveva firmato di suo pugno, e che adesso sta stracciando con rabbia, conscio del terribile provvedimento che ha dovuto prendere per il futuro di Roma.

Sposta la tua attenzione sulla destra in secondo piano: la donna che vedi disperata, che ha tra le braccia due bambine, è la moglie di Bruto.

Particolare moglie figlie Bruto Jacques-Louis David analisi

Particolare della moglie di Bruto e delle figlie

Vedendo arrivare i cadaveri dei due figli più grandi, è distrutta dal dolore e sta allungando un braccio, come se volesse toccarli un’ultima volta.

Adesso guarda le bambine: una di loro è terrorizzata nel vedere arrivare i suoi fratelli morti, mentre l’altra, è svenuta per il dolore.

Particolare statua dea Roma littori riportano cadaveri figli Bruto Jacques-Louis David analisi

Particolare della statua della dea Roma

L’ambiente che circonda questo triste evento è studiato nei minimi dettagli: Bruto è appoggiato ad una statua, probabilmente della dea Roma, su cui si legge a malapena l’incisione con scritto Roma, suggerendo ancora una volta che la sua scellerata decisione è stata presa per garantire il benessere della città.

Particolare oggetti tessitura littori riportano cadaveri figli Bruto Jacques-Louis David analisi

Particolare degli oggetti sul tavolo

Sul tavolo dove era seduta la moglie di Bruto e le figlie, c’è una cesta con dei fili e degli attrezzi per il cucito, lasciando intendere che poco prima dell’arrivo dei littori, le bambine stavano imparando a tessere.

Hai visto la grande colonna che sta alla destra di Bruto? Se hai notato, separa con precisione le tre azioni che avvengono nel quadro: da un lato c’è Bruto immerso nei suoi rimorsi, poi ci sono i littori con i cadaveri e sulla destra il dolore della madre e della famiglia di Bruto.

Confronto littori riportano corpo figli Bruto David flagellazione di Cristo Piero della Francesca analisi

Particolare della colonna nel quadro i littori riportano i corpi dei suoi figli a Bruto di David (in alto)/Particolare della colonna nella Flagellazione di Cristo di Piero della Francesca

La divisione per mezzo della colonna, non ti sembra di averla già vista nella Flagellazione di Piero della Francesca? A me sembra un artificio molto simile.

Infine, voglio farti notare il contrasto di luce ed ombra in tutto il quadro: Bruto, è immerso nell’oscurità, poiché colpevole dell’omicidio dei suoi figli, mentre la sua innocente famiglia (la moglie e le figlie) sono illuminate dal fascio di luce che giunge dalla porta sulla sinistra della scena, da cui stanno entrando i cadaveri.

Dario Mastromattei

Sono un blogger assetato di conoscenza curioso ed appassionato di tecnologia. Il mio obiettivo è far scoprire i capolavori e la bellezza dell'arte nell'era digitale.

2 Risposte

  1. Serena ha detto:

    Ciao! Ho letto solo due descrizioni fino ad adesso, ma volevo farti i complimenti, perchè le analisi sono ben fatte, semplici, coincise. Ti ringrazio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *