Campo di papaveri di Monet: analisi completa del quadro

Continuiamo con altre analisi e commenti relativi ai quadri realizzati da Claude Monet, uno dei pittori impressionisti più grandi di sempre e che stiamo cercando di conoscere attraverso gli articoli che pubblichiamo quotidianamente. Dopo aver visto il quadro che probabilmente ha dato l’ispirazione per il nome del gruppo degli Impressionisti, oggi vedremo invece un’altra interessante opera che sicuramente molti di voi avranno visto diverse volte su Internet o altrove: Campo di papaveri.

campo di papaveri monet analisi

Claude Monet “Campo di papaveri” 1873

Data di produzione: 1873

Dimensioni: 50 x 65 cm

Dove si trova: Musée d’Orsay, Parigi

Il quadro è stato realizzato dal pittore dopo che fece ritorno da un viaggio in Inghilterra dove affinò molto le proprie abilità e tecniche pittoriche; nel periodo successivo al suo ritorno dalla terra inglese, si fermò per qualche tempo ad Argenteuil, dove la sua produzione pittorica è stata davvero enorme, e che abbiamo potuto apprezzare anche noi per mezzo di altri articoli dove ne abbiamo analizzato qualcuno.

Campo di papaveri è uno dei quadri più conosciuti e famosi al mondo, dove Monet riesce a relegare all’interno di una tela tutte le caratteristiche della pittura impressionista: i colori, la prospettiva, la tecnica en plein-air e molto altro.

Il soggetto ovviamente è rappresentato da questo sterminato campo di papaveri che riesce a decorare in gran modo tutto il prato presente nella composizione. La scena è ambientata in campagna durante un giorno d’estate, e la tecnica per la realizzazione dei papaveri è molto interessante: Monet per prima cosa ha realizzato con una spolverata di colore la base per i fiori e successivamente ha perfezionato le forme utilizzando delle macchie di colore, per mettere in risalto il gran numero di questi fiori e per non renderli tutti uguali, ma belli da vedere e non ripetitivi.

I papaveri che sono in primo piano sono leggermente più grandi rispetto a quelli che si trovano in fondo, e questo dà un senso di profondità, facendo in modo che la composizione non sia realizzata tutta su uno stesso piano. Dando un’occhiata più accurata, si potrebbe dividere questo quadro in due parti: a sinistra domina il colore rosso dei papaveri che sono sparsi qui e là su tutto il prato, mentre a destra invece domina il prato senza particolare vegetazione, realizzato con un colore che è miscelato tra il verde ed un tocco di blu.

Le persone che sono presenti nel quadro sono una donna ed un bambino sulla destra (mentre sulla sinistra è presente un’altra coppia ma non sono riconoscibili), e dati i loro vestiti, probabilmente sono la prima moglie dell’artista, ovvero Camille e il loro figlio Jean. Si è giunti a questa conclusione anche solo guardando l’abbigliamento dei due soggetti e confrontandolo con quello che indossano i due soggetti all’interno de La passeggiata.

Oltre a questo bellissimo quadro di Monet, ci sono molti altri lavori che hanno donato a questo pittore una fama immortale, e grazie allo STRAORDINARIO libro che puoi trovare premendo qui sotto, le conoscerai tutte: dal primo disegno di Monet, carico di incertezze ed errori dovuti all’inesperienza, fino a giungere alla leggendaria serie di Ninfee che lo hanno reso un pittore leggendario. Cosa aspetti? È un’occasione unica!

Banner Monet

Dario Mastromattei

Sono un blogger assetato di conoscenza curioso ed appassionato di tecnologia. Il mio obiettivo è far scoprire i capolavori e la bellezza dell'arte nell'era digitale.

3 Risposte

  1. gaia ha detto:

    ma guarda che questo non è “campo di papaveri” , questo è “i papaveri”

  2. Luca ha detto:

    Studente delle scuole Medie

    Grazie mille per aver fatto una lettura così approfondita del quadro “Campo di Papaveri” , perchè grazie a questa mi sono salvato da un compito che altrimenti non avrei potuto svolgere…mi hai salvato 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *