La Venere dormiente di Giorgione (e Tiziano): l’eredità del maestro veneziano

Voglio farti conoscere una tela che diventerà l’antenata di molte opere scandalose. È un lavoro realizzato agli inizi del ‘500 e l’artefice è il veneziano Giorgione, ma parte del merito è anche del suo famoso allievo Tiziano (dopo ti spiegherò meglio questa storia). Il titolo del quadro è la Venere dormiente ed oggi ti farò scoprire la sua storia e molto altro ancora.

Sono i particolari che rendono quest’opera spettacolare e per farti conoscere tutto a proposito della tela, ho deciso di scrivere questo articolo.

Quando avrai finito di leggerlo, ti assicuro che:

  • Conoscerai la storia della Venere dormiente Giorgione e chi è il committente
  • Capirai il perché si dice che sano Giorgione e Tiziano i creatori dell’opera e non soltanto il primo
  • Scoprirai le opere successive che si sono ispirate a questa tela e che hanno scandalizzato la critica

E molto altro ancora.

Sei pronto per scoprire ogni cosa sulla Venere di Giorgione?

Cominciamo!

Venere dormiente Giorgione analisi

“Venere dormiente” Giorgione/Tiziano

Data di realizzazione: 1507-1510

Dimensioni: 108,5 x 175 cm

Dove si trova: Gemäldegalerie Alte Meister, Dresda

STORIA

Siamo nella Venezia di inizio ‘500.

La fama di Giorgione è alle stelle e sono in molti a desiderare una sua opera.

Tra questi, uno dei più interessanti è Girolamo Marcello.

Chi è?

Oltre ad essere un nobile molto ricco, è un appassionato collezionista d’opere d’arte.

Da buon esperto, vuole avere assolutamente un quadro di Giorgione tra le sue proprietà.

Così, nel 1507, poco dopo le sue nozze, commissiona all’artista un quadro con protagonista la Venere dormiente.

Ma nel corso dei secoli ci sono stati un sacco di cambiamenti e la tela non è come la vedi ora.

Cioè?

Un altro collezionista chiamato Marcantonio Michiel ha trascritto la richiesta di Girolamo; all’interno di questa si legge che ai piedi della dea doveva esserci un piccolo Cupido.

Venere dormiente Giorgione Tiziano particolare cupido freccia analisi

Particolare di dove si trovava Cupido

Che fine ha fatto?

È stato coperto nell’800 dopo dei lavori di restauro della Venere sdraiata.

E perché si dice che questa è una tela di Giorgione e Tiziano? Non è solo di Giorgione?

Ora ti spiego.

Giorgione è il maestro di Tiziano.

Dopo aver ricevuto la richiesta di questa tela da Girolamo, Giorgione si mette all’opera.

Nel 1510, però, il famoso artista muore lasciando la tela incompleta.

Ed è qui che entra in gioco Tiziano.

Ha tutte le carte in regola per terminare l’ultimo incarico del suo maestro.

E cos’ha dovuto completare di preciso?

Più tardi ti darò tutti i dettagli, ma voglio già darti un assaggio.

Devi sapere che quando il committente vede il lavoro di Giorgione Venere dormiente, rimane un po’ deluso.

E perché?

Non si aspettava una protagonista così idealizzata e poco realistica.

Dato che questa tela è stata realizzata per il suo matrimonio, si aspettava qualcosa di diverso.

Dopo aver sentito le critiche di Girolamo Marcello, Tiziano decide di effettuare qualche modifica all’originale lavoro del maestro.

Vuoi un esempio?

Guarda il lenzuolo panneggiato su cui è sdraiata la protagonista.

Particolare lenzuolo venere dormiente Giorgione Tiziano analisi

Particolare del lenzuolo

Questa è una delle aggiunte più importanti dell’artista veneziano, ma dopo te ne mostrerò molte altre.

Sai perché Girolamo ha fatto dipingere la Venere distesa per il suo matrimonio?

Non soltanto perché è la dea dell’amore.

C’è un altro motivo.

Girolamo Marcello vuole esaltare le proprie radici.

Infatti si vantava di discendere direttamente dalla Gens Iulia (un antico e potente gruppo familiare di Roma).

E questo cosa c’entra?

Nella sua Eneide Virgilio racconta che la donna la dea che ha generato la Gens Iulia fosse proprio Venere.

In pratica, per mettere in risalto le leggendarie origini della propria stirpe, Girolamo fa dipingere un ritratto della dea da Giorgione.

Alla fine Tiziano conclude l’opera aggiungendo diversi elementi qua e là.

Quando la Venere Giorgione (e Tiziano) è completata, in pochissimo tempo diventa una delle opere più apprezzate e famose di Venezia (soprattutto tra gli artisti del tempo).

Ah si?

Proprio così.

Sono diversi gli artisti che si ispirano al lavoro di Giorgione.

Primo fra tutti è il suo allievo Tiziano, il quale realizza un’opera molto simile (la Venere di Urbino).

Venere di Urbino Tiziano

“Venere di Urbino” Tiziano

Poi c’è anche Venere e Cupido di Lorenzo Lotto, Pan e la ninfa di Dosso Dossi e Ninfa in un paesaggio di Palma il Vecchio.

Venere dormiente Giorgione Venere e Cupido Lorenzo Lotto Pan e la ninfa Dosso Dossi Ninfa in un paesaggio di Palma il Vecchio analisi

Da sinistra in senso orario: “Venere dormiente” Giorgione, “Venere e Cupido” Lorenzo Lotto, “Ninfa in un paesaggio” Palma il Vecchio, “Pan e la ninfa” Dosso Dossi

Il successo dell’opera di Giorgione si prolunga nei secoli, coinvolgendo anche grandi artisti futuri come Rubens, Ingres e Manet (quest’ultimo realizzerà la famosa Olympia ispirandosi all’artista veneziano).

Olympia Manet analisi

“Olympia” Manet

Aspetta un momento.

Ma se tutta la storia dell’opera di Giorgione si svolge a Venezia, com’è arrivata a Dresda?

Tutto quello che sappiamo è che nel 1697 il quadro di Giorgione è tra le mani del mercante C. Le Roy, il quale poi lo vende ad Augusto di Sassonia.

Da quel momento la Venere Dresda rimarrà in Germania, entrando a far parte della collezione della Gemäldegalerie Alte Meister, dove si trova tutt’ora.

DESCRIZIONE

Guarda con attenzione questo lavoro.

Venere dormiente Giorgione analisi

“Venere dormiente” Giorgione/Tiziano

Giorgione ha dato vita ad un bellissimo quadro e per farlo si è ispirato ad opere del passato.

E quali sarebbero?

Lavori risalenti all’antica Grecia, in particolare delle rappresentazioni dell’Arianna dormiente e dell’Ermafrodito dormiente.

Arianna addormentata ermafrodito dormiente Venere addormentata Giorgione analisi

Arianna addormentata (sopra) ed Ermafrodito dormiente (sotto)

Se guardi attentamente, noterai che le composizioni delle statue greche e della protagonista dell’opera di Giorgione sono molto simili.

Adesso voglio parlarti della Venere dormiente analisi e mostrarti tutti i particolari che la rendono un’opera straordinaria.

Al centro della scena c’è la dea spogliata che dorme su un telo bianco, con la testa appoggiata su un cuscino foderato con un drappo rosso.

Particolare dea protagonista Venere dormiente Giorgione analisi

Particolare della protagonista

Dietro di lei in secondo piano si vede un paesaggio naturale caratterizzato da un paio di alberi.

Particolare ambiente naturale alberi secondo piano Venere dormiente Giorgione analisi

Particolare dell’ambiente naturale

A destra, invece, c’è un piccolo gruppo di case arroccate su una collina.

Particolare case secondo piano Venere dormiente Giorgione analisi

Particolare delle abitazioni

Sai che Tiziano “copierà ed incollerà” queste abitazioni anche in altre opere future?

Proprio così, e voglio dimostrartelo.

Dà un’occhiata all’opera qui sotto, è intitolata Noli me tangere.

Noli me tangere Tiziano

“Noli me tangere” Tiziano

Quelle case che vedi sulla destra sono le stesse presenti dietro la Venere di Dresda.

Confronto case secondo piano Venere dormiente Giorgione Noli me tangere Tiziano analisi

Particolare delle case nella Venere dormiente (sinistra) ed in Noli me tangere (destra)

Ma le operazioni di Tiziano per completare l’opera del suo maestro non finiscono qui.

Come faccio a saperlo?

Grazie a delle analisi ai raggi X fatte sulla tela.

Queste hanno messo in evidenza tutti i ritocchi e le aggiunte dell’allievo di Giorgione.

In particolare ha:

  • Ridotto il lenzuolo su cui è sdraiata Venere
  • Reso più vasto il prato che domina in primo piano la scena
  • Aggiunto il drappo rosso dietro la testa della dea

Vedi quella roccia sopra la testa della dea?

Particolare roccia Venere dormiente Giorgione analisi

Particolare della roccia

Anche quella l’ha dipinta Tiziano.

E perché avrebbe aggiunto un dettaglio del genere?

Per dare la sensazione che la dea dorma vicino ad una caverna, lontana dalla civiltà ed totalmente immersa nella natura.

Poi ha anche curato il cielo che vedi nella parte alta del quadro.

Particolare cielo Venere dormiente Giorgione analisi

Particolare del cielo

Tiziano, furbescamente ha ripreso questo modello e lo ha riutilizzato per altre sue opere: la già citata Noli me tangere ed Amor Sacro e Amor Profano (in quest’ultimo però, il cielo è dipinto al contrario).

Confronto cielo Venere dormiente Noli me tangere Amor Sacro Amor Profano Giorgione Tiziano analisi

Particolare del cielo (dall’alto in basso) “Venere dormiente”, “Noli me tangere”, “Amor sacro e Amor profano”

Come avrai capito, Tiziano ha avuto un bel da fare per completare questa composizione, ma il merito per la realizzazione della base dell’opera va al maestro Giorgione.

Cosa significa?

L’artista sicuramente ha dipinto le linee compositive del paesaggio che poi si ripropongono – quasi identiche – sulla silhouette della protagonista.

Confronto linee ambiente corpo protagonista Venere dormiente Giorgione analisi

Confronto linee ambiente e silhouette della dea

Come sappiamo che la protagonista è proprio Venere e non un’altra donna?

Lo sappiamo grazie alle ragioni della commissione dell’opera da parte di Girolamo Marcello, ma anche perché in questa donna sono evidenti tutte le caratteristiche di Venere, la dea della bellezza.

Questa protagonista è dotata di una bellezza ideale, ha un’espressione sensuale mentre dorme ed è completamente immersa nel sogno.

Sono elementi che nelle rappresentazioni degli artisti futuri si perderanno completamente per lasciare spazio a protagoniste disinibite e ribelli.

Per chiudere il discorso sulla Venere dormiente Giorgione analisi devo dirti un paio di cose a proposito dei colori utilizzati dalla coppia di artisti e sulla composizione.

Hai notato che i colori principali dell’opera sono il marrone e l’arancione?

Venere dormiente Giorgione analisi

“Venere dormiente” Giorgione/Tiziano

C’è un motivo ben preciso per la scelta di questi toni.

Giorgione e Tiziano volevano donare all’opera un’atmosfera malinconica e sognante.

Questi colori si distendono perfettamente in tutta l’opera, passando dall’ambiente circostante e passando nuovamente sul corpo di Venere (così viene esaltata anche la somiglianza tra la dea e la bellezza della natura).

E per quanto riguarda la composizione?

Guarda qui sotto. Puoi vedere 2 diagonali che attraversano l’opera:

  1. Quella rappresentata dal profilo di Venere
  2. L’altra costituita dall’andamento delle colline e del paesaggio circostante.
Particolare diagonali composizione Venere dormiente Giorgione analisi

Particolare delle diagonali

C’è un motivo per cui la dea dorme su un lenzuolo bianco ed il cuscino è rosso?

Particolare lenzuolo cuscino Venere dormiente Giorgione analisi

Particolare del lenzuolo e del cuscino

Probabilmente perché sono i colori ricorrenti delle spose del ‘400.

  • 2
    Shares

Dario Mastromattei

Sono un blogger assetato di conoscenza curioso ed appassionato di tecnologia. Il mio obiettivo è far scoprire i capolavori e la bellezza dell'arte nell'era digitale.

Una risposta

  1. Guido ha detto:

    Complimenti! Bel lavoro, ma forse il tutto sarebbe più completo aggiungendo confronti con le Danae sempre si Tiziano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *