Ulisse schernisce Polifemo di William Turner: analisi completa del quadro

Protagonista dell’articolo odierno è un quadro di William Turner legato al mondo della letteratura greca, e nello specifico all’Odissea di Omero. Turner è stato un grande pittore dell’Ottocento, il quale ha riportato su tela delle scene a grande impatto, come ad esempio quella commissionata da Re Giorgio IV e rappresentante La battaglia di Trafalgar, dove grazie ad un’interessante scelta stilistica, è riuscito a riportare le fasi salienti di tale conflitto. Nell’articolo di oggi, andremo a scoprire tutto quello che riguarda la tela intitolata “Ulisse schernisce Polifemo”.

Qui potrete trovare brevemente contestualizzato il tema rappresentato in questo quadro di Turner ed ovviamente saranno presenti tutte le caratteristiche tecniche, quali data di realizzazione, dimensioni e luogo di conservazione. Oltre a tutto ciò, potrete trovare anche la descrizione ed analisi di questo lavoro di William Turner.

Ulisse acceca Polifemo Turner

“Ulisse schernisce Polifemo” William Turner

Data di realizzazione: 1829

Dimensioni: 133 x 203 cm

Dove si trova: National Gallery, Londra

Il quadro, come già anticipato, rappresenta un momento importante narrato all’interno dell’Odissea di Omero; durante il suo viaggio di ritorno ad Itaca, Odisseo (o Ulisse), vengono catturati dal gigante ciclope Polifemo. Attraverso un astuto sotterfugio, Odisseo riesce dapprima a nascondersi con parte del suo equipaggio sopravvissuto sotto le pecore di Polifemo per evadere dalla caverna dove erano stati imprigionati. Appena Polifemo si addormenta, Odisseo riesce ad accecare il nemico e scappa con il suo equipaggio.

Turner rappresenta su tela il momento in cui il protagonista è in fuga sulla propria nave e schernisce il ciclope ormai cieco, dicendogli che colui che lo ha accecato è stato un uomo chiamato “Nessuno”, così che nel momento in cui il mostro avesse raccontato l’evento agli altri suoi simili, non sarebbe stato preso sul serio, lasciando così gli uomini lontani dal pericolo.

Il pittore pone al centro del quadro la grandiosa nave di Odisseo, e poco alla sua destra, dialogando con gli uomini, si trova Polifemo; senza dubbio merita menzione il grande gioco di luci ed ombre realizzato a Turner, il quale utilizzando sapientemente colori freddi per le parti più scure e colori caldi per le parti più chiare, riesce a realizzare una scena magistrale, dove la prima fonte di luce è proprio il sole all’orizzonte.

Dario Mastromattei

Sono un blogger assetato di conoscenza curioso ed appassionato di tecnologia. Il mio obiettivo è far scoprire i capolavori e la bellezza dell'arte nell'era digitale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *