Surrealismo: cos’è, gli artisti e le opere più importanti

Oggi ti parlerò di una delle più importanti correnti artistiche del Novecento, il Surrealismo. Molti degli artisti del movimento surrealista, costituiscono i nomi più importanti della storia dell’arte contemporanea, ed oggi ti farò conoscere quali sono le caratteristiche del surrealismo arte, cosa contraddistingue il pittore surrealista da tutti gli altri e molto altro.

surrealismo

La corrente del surreale coinvolge molti artisti del Novecento, ma solo qualche anno più tardi, le andy Warhol opere, legate al mondo della Pop Art, avrebbero visto gli artisti americani, creare qualcosa di completamente nuovo e mai visto nella storia dell’arte.

Prima di procedere oltre e spiegarti cos’è il surrealismo e quali erano i pittori surrealisti, posso chiederti un favore? Ho impiegato molte ore nel rielaborare questo articolo al fine di renderlo semplice e fruibile per te. Ti andrebbe di supportarmi cliccando sul tasto mi piace qui sotto? È semplice, veloce, e ci vuole solo un secondo. Che ne dici?

COS’È IL SURREALISMO

Nel Novecento, con le innumerevoli scoperte riguardanti la psicologia ad opera di Freud, molti artisti, cercarono di inglobare all’interno del proprio mondo, il nuovo, rivoluzionario, concetto di inconscio.

In particolar mondo, i surrealismo artisti, riuscirono a rendere estremamente fruibile questa novità dell’inconscio, per mezzo di un altro elemento, ovvero il sogno.

Secondo la definizione freudiana, il sogno, non è altro che una produzione della psiche che avviene mentre si dorme, ed è caratterizzata da immagini, suoni ed emozioni che si susseguono senza dover seguire necessariamente un filo logico.

Nel mondo del sogno, l’uomo, non è più vigile sui propri pensieri, e di conseguenza, il suo inconscio, può vagare libero da qualunque vincolo, il quale, utilizza immagini di carattere simbolico.

Le immagini, piuttosto che le parole, costituivano uno strumento privilegiato per poter rappresentare al meglio ciò che avviene nel sogno, e così gli artisti surrealisti, appresero questo insegnamento per creare le basi di questa nuova corrente artistica.

Nel 1924, Andrè Breton, realizzò il manifesto del Surrealismo: il teorico, oltre che spiegare il surreale significato, indicò anche che l’unico modo per giungere ad un piano reale superiore, era necessario fondere le due realtà che caratterizzano la vita umana, ossia quella della veglia e quella del sogno.

Fondamentalmente, gli artisti che aderirono alla corrente del Surrealismo, possono essere divisi in due grandi blocchi: coloro che realizzavano degli “accostamenti inconsueti”, e gli altri, che invece, erano autori di “deformazioni irreali”.

Nel primo caso, ovvero quello degli accostamenti inconsueti, veniva indicato che, nell’opera, venivano fusi, diversi elementi appartenenti a categorie distinte e separate, le quali, nel mondo reale, sarebbero state impossibili da conciliare.

Per quanto riguarda invece le deformazioni irreali, si trattava di elementi che cambiavano completamente il proprio aspetto nelle opere, trasformandosi in tutt’altro e dando vita a delle scene irreali.

I PRINCIPALI ARTISTI SURREALISTI

Finora, ti ho parlato del surrealismo, della sua definizione e delle caratteristiche che lo contraddistinguono dalle altre correnti artistiche.

Ora, ti parlerò dei più importanti artisti surrealisti e dei loro capolavori.

Joan Miró, fu un grande artista, le cui opere, vedevano protagonisti dei mondi completamente nuovi e lontani dalla nostra realtà, caratterizzati da forme geometriche colorate e sospese in aria. Nella sua carriera, realizzò sia dipinti che sculture.

personnages-oiseaux-joan-mirò

“Personnages Oiseaux” Joan Miró

Max Ernst, fu autore di molti quadri popolati da figure nuove: figure antropomorfe, animali formati da tanti strumenti diversi, oppure degli ambienti frutto di fusioni di tante parti che apparentemente, non hanno alcun legame.

Salvador Dalì, fu il pittore surrealista spagnolo più importante, il quale, oltre ad essere una delle personalità più influenti e carismatiche di tutta la storia dell’arte contemporanea, realizzò innumerevoli dipinti con paesaggi bizzarri e distanti dalla realtà, molto vicini alla concezione comune del sogno.

Salvador Dalì la persistenza della memoria

“La persistenza della memoria” Salvador Dalì

René Magritte, si dedicò soprattutto alla realizzazione di dipinti, che lo portarono a confermarsi come uno dei più importanti esponenti di questa corrente artistica; il surrealismo Magritte consisteva nella raffigurazione “alterata” del reale, creando delle situazioni non presenti in realtà, al fine di mostrare il mistero che aleggia in quest’ultima, senza definirla.

 

Dario Mastromattei

Sono un blogger assetato di conoscenza curioso ed appassionato di tecnologia. Il mio obiettivo è far scoprire i capolavori e la bellezza dell'arte nell'era digitale.

Una risposta

  1. bastia anna ha detto:

    Piacevole e chiaro

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *