Sulla soglia dell’eternità di Van Gogh: analisi completa del quadro

Oggi proseguiamo ancora una volta il nostro viaggio nella vita di Van Gogh narrato attraverso i suoi quadri più celebri e più interessanti, sia dal punto di vista tecnico che significativo. Dopo l’analisi completa di un’opera rappresentante la sua provvisoria abitazione ad Arles oggi invece vedremo un’altra opera interessante sempre dello stesso pittore: sulla soglia dell’eternità.

Data di produzione: 1890

Dimensioni: 80×64 cm

Dove si trova: Kröller-Müller Museum, Otterlo

Sulla-soglia-dell-eternità-van-gogh-analisi

Questo quadro è l’ennesimo ritratto ad olio realizzato da Vincent Van Gogh, mentre si trovava presso l’ospedale di Saint-Rémy de Provence per delle cure psichiatriche dovute ai suoi costanti disturbi che nei momenti più bui lo hanno portato addirittura a tagliarsi un orecchio dopo una discussione con il suo temporaneo coinquilino Gauguin.

 Sulla soglia dell’eternità è stato completato nei primi giorni di Maggio del 1890, in uno dei momenti più difficili della sua terapia (e lo si può notare anche semplicemente guardando questo quadro, anche se il soggetto rappresentato non è lo stesso Van Gogh) che purtroppo non porteranno a nulla di buono, poiché circa due mesi dopo il pittore morirà.

Il quadro non è istintivo, ma è frutto di un disegno a matita fatto precedentemente, quindi è stato studiato in tutte le sue fasi e successivamente prodotto; il soggetto de sulla soglia dell’eternità è un veterano di guerra chiamato Adrianus Jacobus Zuyderland che il pittore aveva incontrato circa un anno prima all’interno di un ospizio che si trovava in un’altra località in cui il pittore si era trovato a passare.

La memoria fotografica di Van Gogh in questo quadro riveste un ruolo fondamentale poiché il quadro è prettamente ispirato a diverse altre opere che egli vide qualche anno prima come Domenica presso l’Hospital Chelsea di Hubert von Herkomer e anche altre opere; questo particolare soggetto raccolto in questa posizione sarà successivamente ripreso anche in altri studi dove i soggetti ripresi saranno due donne.

Domenica-al-chelsea-hospital-Hubert-von-Herkomer

Come al solito, anche in sulla soglia dell’eternità i colori riescono a trasmettere più della stessa immagine: il soggetto è rappresentato con colori che sono tra il blu e il marrone, poco distaccati dall’ambiente, a sottolineare la sensazione provata dal soggetto.

I colori sono scuri e trasmettono un senso di tristezza e di distacco, non di felicità come invece accade in la casa gialla sempre dello stesso pittore.

Dario Mastromattei

Sono un blogger assetato di conoscenza curioso ed appassionato di tecnologia. Il mio obiettivo è far scoprire i capolavori e la bellezza dell'arte nell'era digitale.

Una risposta

  1. dabbat ha detto:

    Angosciante van gogh

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *