Ritratto di père Tanguy di Van Gogh: analisi e commento del quadro

Torniamo ancora una volta tra i quadri del pittore olandese Vincent Van Gogh, il quale durante la sua vita ha realizzato quasi un migliaio di quadri, anche se la sua carriera pittorica è durata giusto qualche anno prima di concludersi con un tragico epilogo. Abbiamo visto molti quadri realizzati da questo artistae oggi ne vedremo un altro da considerarsi estremamente interessante: ritratto di père Tanguy.

 

Questo quadro, anche se non tra i più famosi, è da considerare molto interessante soprattutto per la scelta del soggetto e anche dei colori utilizzati, che dominano il quadro e che lasciano trasparire anche il profondo studio da parte di Van Gogh prima di realizzare quest’opera. Il ritratto di père Tanguy infatti, a prima occhiata potrebbe sembrare un ritratto di un uomo qualunque, ma in realtà era molto legato al pittore olandese ed ebbe un ruolo fondamentale nella sua vita.

père-tanguy-van-gogh-analisi

Data di produzione: 1888

Dimensioni: 92×75 cm

Dove si trova: Musée Rodin, Parigi

Il ritratto di père Tanguy infatti rappresenta quest’uomo che era il proprietario di un colorificio a Parigi; molti artisti passavano all’interno della sua struttura, e tra questi si trovava anche Vincent, ma anche molti altri pittori appartenenti alle correnti pittoriche che in quel tempo stavano emergendo o che trovavano pieno successo, come l’Impressionismo ed anche il Post-impressionismo.

Coloro che parlano il francese avranno notato che père nel ritratto non è il nome vero e proprio del soggetto rappresentato, bensì il suo soprannome, che tradotto nella nostra lingua significa “padre”. Tale nomignolo gli era stato dato poiché Tanguy era un uomo molto buono ed ebbe con Van Gogh un grande rapporto di amicizia; la bontà di quest’uomo lo portava addirittura ad acquistare alcune opere degli artisti che si rifornivano presso di lui cosicché quest’ultimi potessero avere i soldi necessari per realizzare altre opere e continuare così la propria carriera.

Questo ritratto di père Tanguy potrebbe rappresentare una sorta di monito da parte di Van Gogh per ringraziare questo signore per la sua bontà e anche come elemento rappresentativo della loro amicizia e del bel rapporto. Il pittore olandese conoscerà anche altre persone che cambieranno la sua vita e il suo modo di dipingere rendendolo un uomo in continua metamorfosi e che vede il mondo con occhi completamente diversi da qualsiasi altro simile.

Lo sfondo del quadro il ritratto di père Tanguy è molto interessante poiché è composto da diverse opere, che, oltre a dare un indizio dell’occupazione del soggetto, indica la forte influenza di quadri di tema nipponico; alla sinistra del quadro è presente un mezzobusto di una donna asiatica vestita con le tradizionali vesti delle donne orientali, e lo stesso accade con l’opera che si trova in basso a destra, dove è rappresentata un’altra donna di profilo con delle vesti di tradizione asiatica.

Dario Mastromattei

Sono un blogger assetato di conoscenza curioso ed appassionato di tecnologia. Il mio obiettivo è far scoprire i capolavori e la bellezza dell'arte nell'era digitale.

Una risposta

  1. Rito ha detto:

    Fantastico

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *