Rideau, Cruchon et Compotier di Cézanne: analisi completa del quadro

Eccoci nuovamente insieme per scoprire ulteriori dettagli riguardo un nuovo quadro realizzato da Paul Cézanne, con cui abbiamo cominciato il nostro viaggio approfondendo e scoprendo le caratteristiche principali del quadro intitolato il cesto di mele. Il quadro di cui faremo l’analisi completa oggi invece è intitolato Rideau, Cruchon et Compotier, scopriamo di cosa si tratta.

Rideau, Cruchon et Compotier Cézanne analisi

Rideau, Cruchon et Compotier” Cézanne

Data di produzione: 1893-1894

Dimensioni: 60 x 73 cm

Dove si trova: Presso un privato non definito

Attraverso l’analisi di questo Rideau, Cruchon et Compotier, possiamo fin da subito capire che la specialità di Cézanne è legata alla rappresentazione di nature morte, con alcune variazioni di dettagli. Facendo particolare attenzione ai dettagli possiamo notare che infatti qui la scena è composta da diverse mele appoggiate su un piatto sul lato destro del quadro ed altra frutta messa qui e là su una tovaglia, mentre sulla destra si può notare un otre i cui colori richiamano particolarmente quelli del muro.

Qui non è presente lo stesso gioco di prospettive di che abbiamo potuto notare ne Il cesto di mele, ma la natura morta e lo studio della prospettiva saranno due caratteristiche fondamentali nella stragrande maggioranza delle opere di questo artista. Proprio questo aspetto legato al punto di vista ha fatto si che molti dei quadri di Cézanne fossero concepiti come dei veri e propri “ponti” tra il movimento impressionista e quello cubista, di cui senza dubbio, l’esponente più famoso è proprio Picasso.

La storia della proprietà di questo Rideau, Cruchon et Compotier, è molto interessante poiché è passato tra le mani di diversi collezionisti e commercianti, fino a giungere alla casa d’aste Sotheby nel 1999 ad un prezzo altissimo (parliamo di più di 60.000 dollari) per poi essere rivenduto successivamente ad un prezzo più basso in un’asta successiva.

Questo prezzo ha fatto passare alla storia tale quadro, considerato attualmente la natura morta più costosa venduta ad un’asta.

Dario Mastromattei

Sono un blogger assetato di conoscenza curioso ed appassionato di tecnologia. Il mio obiettivo è far scoprire i capolavori e la bellezza dell'arte nell'era digitale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *