Natura morta con pappagallo e frutta di Frida Kahlo: analisi completa dell’opera

Scopriamo un importante dipinto dell’artista Frida Kahlo, figura fondamentale dell’arte contemporanea. Frida, attraverso le sue opere, con il passare degli anni, è diventata una personalità sempre più centrale nel mondo dell’arte; tra i suoi lavori più importanti, abbiamo già visto la complessa opera intitolata La sposa che si spaventa nel vedere la vita aperta, ed oggi proseguiremo nello studio di questa artista, andando ad analizzare la Natura morta con pappagallo e frutta.

Qui potrete leggere tutto ciò che riguarda questa natura morta, come data di produzione, storia dell’opera, dimensioni, luogo di conservazione ed analisi stilistica dell’opera.

natura-morta-con-pappagallo-e-frutta-frida-kahlo-analisi

“Natura morta con pappagallo e frutta” Frida Kahlo

Data di realizzazione: 1951

Dimensioni: 28,9 x 25,4 cm

Dove si trova: University of Texas, Austin, Texas, U.S.A.

Questo lavoro è stato realizzato da Frida Kahlo all’inizio degli anni Cinquanta, poco prima che le sue condizioni fisiche peggiorassero ulteriormente, portandola ad avere sempre maggiore bisogno di cure mediche.

Il suo compagno, Diego Rivera, cercava di fare del proprio meglio per pagare le spese mediche necessarie per curare Frida, e quest’ultima, per non essere di peso, cercava di realizzare quante più opere possibili, al fine di venderle successivamente e così da ricavare qualche soldo in più.

Terminato questo lavoro, Frida lo spedì immediatamente alla galleria per poter essere venduto, ma quando Nickolas Muray (un celebre fotografo di quegli anni) con la sua famiglia, andarono a trovarla, quest’ultima decise di riprendersi la natura morta dalla galleria e donarla a Muray.

Nell’ultimo periodo della carriera artistica di Frida, le nature morte divennero un tema sempre più costante, poiché secondo lei, erano molto più facili e rapide da realizzare rispetto agli autoritratti che aveva dipinto fino a qualche tempo prima.

La grande dipendenza da antidolorifici da parte di Frida si riversò sulle sue abilità pittoriche, portandola a dipingere innumerevoli opere (dopo questa natura morta di cui ci stiamo occupando) ricche di errori e con colori poco vividi.

Questa natura morta con pappagallo e frutta è stata dipinta da Frida Kahlo utilizzando dei colori molto accesi e decisi ed i frutti sono ricchi di dettagli e realistici.

Questa accuratezza per i dettagli ed il sapiente utilizzo dei colori, testimonia una grande abilità ed accortezza di Frida nella realizzazione dell’opera, in netto contrasto con le opere della successiva, che vedrà un rapido declino della qualità dei suoi quadri.

Dario Mastromattei

Sono un blogger curioso ed appassionato di tecnologia. Il mio obiettivo è far conoscere i capolavori della storia dell'arte nell'era digitale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.