Alfons Mucha in mostra a Genova dal 30 Aprile al 18 Settembre 2016

Oggi andremo ad occuparci di un interessante e popolare evento artistico che ha già dimostrato un gran successo nel primo appuntamento in Italia: stiamo parlando della nuova mostra su Alfons Mucha a Genova, che non è altro che il proseguo della popolare esposizione avvenuta a Milano a cavallo tra il 2015 e 2016. Questo artista è protagonista anche di un’altra esposizione a Roma, presso il Complesso del Vittoriano.

In questo articolo troverete tutti i dettagli su questa mostra, tra cui date di apertura, costo del biglietto (e la possibilità di poterli acquistare ad un prezzo imbattibile) e tante interessanti anticipazioni che saranno di grande interesse per tutti gli appassionati dell’Art Noveau e di questo importante artista.

Mostra Alfons Mucha Genova Aprile 2016 costo dettagli

Luogo dell’esposizione: Palazzo Ducale, Genova

Data apertura mostra: 30 Aprile 2016

Data chiusura mostra: 18 Settembre 2016

Orari di apertura al pubblico: Lunedì dalle 14:30 alle 19:30; Martedì, Mercoledì, Giovedì e Domenica dalle 9:30 alle 19:30; Venerdì e Sabato dalle 9:30 alle 22:00

Costo biglietto: 13,00€ intero; 11,00€ Ridotto; 6,00€ Ridotto speciale, 11,00€ Gruppi; 4,00€ Scuole

Dopo la popolare tappa milanese, le straordinarie opere di Alfons Mucha arrivano a Genova: ci saranno più di 150 lavori dell’artista, di cui si potranno ammirare tutti i colori ed i dettagli che hanno reso Mucha uno dei più interessanti ed apprezzati artisti dell’Art Noveau. Oltre alla mostra monografica dedicata a questo artista, sarà possibile scoprire anche un’altra piccola esposizione chiamata “Mucha: alle origini della pubblicità” presso “The Wolfson Collection” di Genova: una piccola mostra che mette in primo piano il collegamento tra i lavori di Mucha ed il ruolo comunicativo che rivestono all’interno della pubblicità.

Premendo qui sotto potrete acquistare il vostro biglietto per la mostra ad un prezzo incredibile.

Banner acquisto biglietto mostra

Il centro dell’esposizione a Palazzo Ducale sono dei lavori di Mucha che arrivano direttamente dalla Richard Fuxa Foundation, che ospita una vastissima collezione di lavori autentici di queso artista. Ecco una breve sintesi del percorso espositivo della mostra su Mucha a Genova:

  • La prima sezione è dedicata al teatro ed all’attrice Sarah Bernhardt, molto popolare ai suoi tempi e soggetto indiscusso di molti lavori di Mucha
  • La seconda sezione è dedicata all’esposizione di lavori legati alla vita quotidiana; dalle scatole di biscotti fino ai prodotti per l’infanzia sono protagonisti delle opere in questa sezione
  • La terza sezione è incentrata sull’importanza della donna, massima protagonista delle opere di Mucha e messe in contrasto in questo spazio con oggetti, per mostrare l’ambivalenza della concezione della donna: da una parte essere angelico e dell’altra, seducente femme fatale.
  • La quarta sezione pone l’accento sull’influenza dell’arte giapponese nella produzione dei lavori di Mucha
  • La quinta sezione vede protagonista la presenza degli animali e del loro significato nella produzione dell’artista protagonista della mostra
  • La sesta sezione è dedicata all’importanza dell’utilizzo dei materiali preziosi nelle composizioni di Mucha
  • L’ottava sezione riguarda l’importanza del tempo, mettendo in primo piano le grafiche dei calendari, delle sue popolari stagioni e della scansione in periodi della giornata
  • La penultima sezione è legata al tema floreale e della sua forte connessione ai lavori di Mucha
  • L’ultima sezione vede la presenza di diversi vestiti di produzione italiana e francese che mostrano l’influsso dei lavori di Alfons Mucha nel campo della moda

La mostra durerà più di quattro mesi e quindi c’è tutto il tempo per poter ammirare i capolavori di Alfons Mucha a Genova. Andrete a questa mostra? Fateci sapere cosa ne pensate qui con un commento.

 

Dario Mastromattei

Sono un blogger assetato di conoscenza curioso ed appassionato di tecnologia. Il mio obiettivo è far scoprire i capolavori e la bellezza dell'arte nell'era digitale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.