Madonna dell’Eucarestia di Sandro Botticelli: analisi completa dell’opera

Andiamo a conoscere tutti i dettagli su un importante lavoro di Sandro Botticelli, importante artista del Quattrocento, il quale, oltre ad essere conosciuto per lo straordinario capolavoro intitolato La Nascita di Venere, ha realizzato anche una parte degli affreschi presenti nella Cappella Sistina, intitolata Le prove di Mosè, ed oggi andremo a scoprire tutto quello che c’è da sapere sulla Madonna dell’Eucarestia.

In questo articolo potrete leggere tutte le informazioni di ambito tecnico, come data di realizzazione, dimensioni e luogo di conservazione dell’opera di Botticelli, e successivamente passeremo alla descrizione stilistica del dipinto.

Madonna dell Eucarestia Sandro Botticelli analisi

“Madonna dell’Eucarestia” Sandro Botticelli

Data di realizzazione: 1470-1472

Dimensioni: 85 x 64,5 cm

Dove si trova: Isabella Stewart Gardner Museum, Boston

La Madonna dell’Eucarestia è stato realizzato nel 1470 da Sandro Botticelli ed è stato venduto dalla famiglia Chigi nel 1899; attualmente, il dipinto si trova a Boston, presso l’Isabella Stewart Gardner Museum. In un primo momento, il principe, aveva deciso di vendere il quadro per trentamila dollari, ed Isabella rifiutò, ma successivamente decise di acquistarlo al costo di settantamila dollari.

Protagonisti della composizione sono la Vergine Maria, qui ritratta di di profilo, con il Bambino in braccio, mentre sulla sinistra, con lo sguardo rivolto verso Gesù, Botticelli inserisce un angelo.

I dettagli sono molto importanti in questo lavoro di Botticelli: prima di tutto si può notare che l’angelo ha tra i capelli una corona di mirto, e sta offrendo al bambino una piccola ciotola con dodici spighe di grano e dell’uva, mentre Maria sta prendendo una delle spighe offerte dall’angelo.

Il Bambino, viene ritratto con una mano alzata, posizione tipica per benedire; molto importante è anche l’ambiente che circonda i tre protagonisti: si tratta un piccolo giardino recintato, che ricorda l’hortus conclusus già visto anche nella Madonna Bardi, e che allude alla verginità di Maria.

Gli elementi offerti dall’angelo, ovvero il grano e l’uva simboleggiano il pane ed il vino eucaristico, che a loro volta indicano il corpo ed il sangue di Cristo; le dodici spighe di grano potrebbero alludere anche ai Dodici Apostoli di Cristo durante l’Ultima Cena.

 

Dario Mastromattei

Sono un blogger assetato di conoscenza curioso ed appassionato di tecnologia. Il mio obiettivo è far scoprire i capolavori e la bellezza dell'arte nell'era digitale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *