Madonna del Libro di Sandro Botticelli: analisi completa dell’opera

Scopriamo un fondamentale lavoro realizzato da Sandro Botticelli, pittore del Quattrocento, il quale, nella sua lunga carriera, ha dato vita ad importanti capolavori, come il Compianto sul Cristo morto con i santi Girolamo, Paolo e Pietro e la più celebre Nascita di Venere. L’opera che andremo a scoprire oggi ha per protagonista una madonna con bambino, ma per distinguerla dalle altre omonime opere di Botticelli, viene chiamata Madonna del Libro.

Qui potrete leggere tutte le informazioni riguardanti questa Madonna col Bambino Botticelli , tra cui la storia dell’opera, la descrizione ed alcuni dettagli come la data di realizzazione, le dimensioni ed il luogo di conservazione di questa Madonna con il bambino .

Madonna del Libro Sandro Botticelli analisi

“Madonna del Libro” Sandro Botticelli

Data di realizzazione: 1480-1481

Dimensioni: 58 x 39,5 cm

Dove si trova. Museo Poldi Pezzoli, Milano

Non abbiamo molte informazioni riguardo la storia di quest’opera di Botticelli, ma la descrizione di questa Madonna del Botticelli è molto interessante, poiché ci sono tanti elementi simbolici che necessitano di essere approfonditi.

Tra le Madonna con bambino immagini , questa del Botticelli senza dubbio costituisce uno dei lavori più importanti: protagonisti sono la Vergine Maria e suo figlio Gesù.

Il Bambino è tenuto sulle gambe della mamma, mentre rivolge il proprio sguardo verso Maria e quest’ultima, con espressione malinconica lo ricambia.

Sullo sfondo si apre una piccola finestra che lascia intravedere un paesaggio naturale con qualche albero, ma non ci sono dettagli sufficienti per riconoscere in quello spazio una rappresentazione di un luogo reale.

Come si può intuire dal titolo dell’opera, Maria sta sfogliando e leggendo un libro, che si trova sulla sinistra della composizione; alcuni dei brani riportati in questo testo sono riconducibili al Libro di Isaia, ma i dettagli dell’impaginazione, i caratteri utilizzati e la forma dello stesso testo ricordano il Libro d’Ore, un testo per la preghiera quotidiana.

Tra gli altri elementi presenti nel quadro, sono degni di nota la scatola di legno per i dolci, ma anche il contenitore con della frutta presente in secondo piano: la ciliegia allude al sangue della Passione di Cristo, le prugne sono da ricondurre al legame tra Maria e Gesù ed i fichi ricordano la Resurrezione.

Gesù Bambino, regge in una mano i chiodi ed una corona di spine semplificata, che simboleggiano il suo tragico futuro.

Sulla veste di Maria c’è ricamata una stella, che ricorda la stella cometa seguita dai Re Magi per portare i doni a Gesù Bambino appena nato.

Se vuoi saperne di più sulla vita di Botticelli, ti consiglio caldamente di leggere il libro indicato nel banner sottostante, poiché è un eccezionale documento che ti permetterà di conoscere il celebre pittore fiorentino e le sue opere più importanti.

Banner generico acquista libor

Contrariamente a quanto si possa pensare, la forte luminosità presente nel quadro non arriva dalla finestra, ma sembrerebbe essere emanata direttamente dai protagonisti, e tale effetto viene amplificato dal grande utilizzo del color oro presente in molti oggetti della composizione.

 

 

Dario Mastromattei

Sono un blogger assetato di conoscenza curioso ed appassionato di tecnologia. Il mio obiettivo è far scoprire i capolavori e la bellezza dell'arte nell'era digitale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *