Madonna col Bambino di Sandro Botticelli: analisi completa dell’opera

Andiamo a conoscere un importante lavoro realizzato da Sandro Botticelli, prolifico pittore del Quattrocento, il quale ha realizzato dei capolavori che non necessitano di alcuna presentazione, come ad esempio la nascita di Venere, ma ha realizzato anche dei lavori meno conosciuti, ma ugualmente di altissima qualità, come ad esempio la Madonna con il Bambino e due angeli, creduta a lungo un’opera di Filippo Lippi, ma poi attribuita correttamente al Botticelli. Oggi scopriremo tutte le informazioni sulla Madonna con bambino del Botticelli.

Qui potrete leggere tutto quello che c’è da sapere su questo capolavoro di Botticelli, partendo prima dalle informazioni tecniche, come data di realizzazione, dimensioni, luogo di conservazione e successivamente passeremo all’analisi di questa scena della natività Botticelli.

Madonna col Bambino Sandro Botticelli analisi

“Madonna col Bambino” Sandro Botticelli

Data di realizzazione: 1467

Dimensioni: 71 x 51 cm

Dove si trova: Musée du Petit Palais, Avignone

La storia della trasmissione di questa Madonna col bambino Botticelli è molto semplice ed essenziale: la tempera su tavola realizzata da Sandro Botticelli, è stata acquistata nel 1862 da Napoleone III dalla collezione Campana e portato al Louvre, ma successivamente venne trasferito ad Avignone, dove si trova attualmente.

Molte sono le immagini Madonna con bambino, ed in questa realizzata da Botticelli i protagonisti sono la Vergine Maria ed il Gesù Bambino.

I due personaggi si trovano sotto una piccola loggia, e sono rappresentati voltati di tre quarti verso sinistra, mentre Maria tiene il piccolo Gesù su un ginocchio; la Vergine, con la mano destra accarezza il bambino, mentre con l’altra mano si appresta ad allattarlo.

La Vergine, in questa composizione allude al tema della Madonna del latte, richiamandosi al mistero dell’Incarnazione ed al ruolo di Maria Mediatrice.

Le espressioni dei due protagonisti sono malinconiche e pensierose, proprio come accade anche nella Madonna dell’Eucarestia, altra opera poco nota di Sandro Botticelli; inoltre, sia Maria che Gesù hanno l’aureola.

Il paesaggio che si intravede dietro la piccola loggia è roccioso e ripido, con un albero presente proprio sul limite della montagna.

In quest’opera di Botticelli si possono notare le influenze di diversi artisti: la composizione e le forme ricordano molto quelle di Donatello Filippo Lippi, mentre per quanto riguarda l’utilizzo dei colori intensi ed accesi, è palese l’influsso dello stile di Antonio del Pollaiolo.

Dario Mastromattei

Sono un blogger assetato di conoscenza curioso ed appassionato di tecnologia. Il mio obiettivo è far scoprire i capolavori e la bellezza dell'arte nell'era digitale.

2 risposte

  1. izuku ha detto:

    grazie mille mi serviva per una per una ricerca sulle opere di Botticelli…e la prof.ssa mi ha fatto i complimenti per il mio lavoro completo..grazie mille ancora!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *