Le pigeon aux petits pois di Pablo Picasso: analisi completa del quadro

Analizziamo tutto quello che riguarda un importante quadro di Pablo Picasso, un artista che non ha bisogno di presentazioni, poiché la sua fama gli ha permesso di essere considerato come uno dei più grandi artisti dell’arte contemporanea e di sempre. Nella sua lunga carriera, Picasso ha realizzato tantissime opere di grande importanza, tra cui Evocazione, realizzata appositamente per ricordare un suo caro amico morto suicida per questioni amorose. Oggi andremo a scoprire un altro importante lavoro di Picasso, intitolato “Le pigeon aux petits pois”.

In questo articolo potrete leggere tutto ciò che riguarda questo lavoro, tra cui la data di realizzazione, le dimensioni e l’attuale luogo di conservazione; successivamente potrete trovare una breve lettura dell’opera che aiuterà a contestualizzare l’olio su tela di Picasso.

Le pigeon aux petits pois picasso analisi

“Le pigeon aux petits pois” Pablo Picasso

Data di realizzazione: 1911

Dimensioni: 65 x 54 cm

Dove si trova: IGNOTO

Il luogo di conservazione del quadro attualmente è ignoto, poiché in origine faceva parte della collezione del Musée d’Art Moderne de la Ville de Paris, ma successivamente è stato rubato insieme ad altri cinque quadri nel Maggio 2010. Il colpevole del furto è stato catturato, il quale ha ammesso di aver gettato questa tela nella spazzatura dopo l’arrivo della polizia, ma nonostante questo prezioso indizio, “Le pigeon aux petits pois” non è stato più ritrovato.

Il quadro fa parte della fase artistica più celebre di Picasso, ovvero quella cubista (per la precisione è un”opera appartenente al cubismo analitico); la scena è abbastanza confusa, e non si riesce ad individuare un soggetto ben preciso: tra le varie divisioni geometriche in rettangoli, archi e linee, si riesce ad intravedere nella parte in alto a destra della tela solo la scritta “Cafe”.

Nella composizione spezzettata si intravede un bicchiere, una zampa di un uccello al centro ed altri oggetti. Il colore principale che domina la composizione è senza dubbio il marrone chiaro, che si intensifica in alcune zone della composizione per poi diventare quasi invisibile ad alcune estremità della tela.

Dario Mastromattei

Sono un blogger assetato di conoscenza curioso ed appassionato di tecnologia. Il mio obiettivo è far scoprire i capolavori e la bellezza dell'arte nell'era digitale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *