La verità svelata dal Tempo di Gian Lorenzo Bernini: analisi completa della scultura

Analizziamo un importante lavoro di uno scultore del Seicento le cui opere hanno scritto un’importante pagina della storia dell’arte moderna, ovvero Gian Lorenzo Bernini. L’opera di cui andremo a parlare oggi in questo articolo è intitolata “La verità svelata dal Tempo”.

In questo articolo potrete trovare tante informazioni su questo lavoro in marmo del Bernini, tra cui data di realizzazione, descrizione e approfondimenti che ci permetteranno di conoscere al meglio questa statua.

La verità svelata dal Tempo Bernini analisi

“La verità svelata dal Tempo” Gian Lorenzo Bernini

Data di realizzazione: 1646-1652

Dimensioni: 280 cm

Dove si trova: Galleria Borghese, Roma

“La verità svelata dal Tempo” è una bellissima statua di Gian Lorenzo Bernini, purtroppo mai completata. Attraverso la biografia realizzata dal figlio dello stesso scultore, Domenico Bernini, abbiamo molti dettagli sulla realizzazione di questo lavoro: la preparazione del lavoro è cominciata nel 1645, poco dopo la morte di Papa Urbano VIII, il suo protettore, ed ha completato la figura della Verità circa sette anni dopo; la seconda parte della statua, quella rappresentante il Tempo non è mai stata realizzata, ed infine questo lavoro è giunto in eredita al figlio dello stesso scultore, per poi essere acquistato nel Novecento dallo Stato per essere esposto nella Galleria Borghese.

Curiosamente, questo lavoro, proprio come il Busto di Costanza Bonarelli, non è stato richiesto da alcun committente e lo scultore ha deciso di realizzarlo di sua spontanea volontà, per poi lasciarlo sulla porta della propria abitazione.

Il soggetto di questo lavoro è la Verità, rappresentata allegoricamente da una donna, la quale viene spogliata dal tempo in modo vorticoso e violento; purtroppo, come accennato precedentemente, il tempo non è stato mai realizzato dallo scultore, lasciando questo lavoro a metà (anche se lo stesso Bernini voleva aggiungere la parte mancante dopo il 1655). La donna, con un’espressione curiosa, trattiene nelle proprie mani un piccolo sole, che simboleggia la verità ormai rivelata, mentre le sue vesti vengono trattenute dall’alto, lasciandola completamente nuda.

Dario Mastromattei

Sono un blogger assetato di conoscenza curioso ed appassionato di tecnologia. Il mio obiettivo è far scoprire i capolavori e la bellezza dell'arte nell'era digitale.

2 risposte

  1. Federica ha detto:

    Complimenti, ti ringrazio inoltre perché mi hai aiutato a conoscere una delle opere meno note dell’autore. Continua con altre opere, ottimo lavoro. Saluti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *