La Primavera di William-Adolphe Bouguereau: analisi completa del quadro

Proseguiamo con un’altra tappa nel nostro viaggio in compagnia delle bellissime opere di William-Adolphe Bouguereau. Dopo aver analizzato “Idillio d’infanzia”, adesso ci apprestiamo a studiare un altro lavoro molto interessante di questo artista, intitolato “La Primavera”.

All’interno di questo articolo troverete prima di tutto una piccola scheda tecnica dove verranno riportate le dimensioni del lavoro, il luogo di conservazione e la data di produzione, e successivamente passeremo ad un’analisi stilistica della composizione, per studiare approfonditamente i dettagli.

La Primavera William-Adolphe Bouguereau analisi

“La Primavera” William-Adolphe Bouguereau

Data di produzione: 1886

Dimensioni: 201,3 cm x 117,8 cm

Dove si trova: Joslyn Art Museum, U.S.A.

L’opera è stata realizzata nel 1886,  però prima di giungere al Joslyn Art Museum, è stata acquistata da Francis T.B. Martin, per poi passare nelle mani di George W. Lininger, il quale era un collezionista e proprietario tra l’altro di una galleria privata, il quale permise la creazione della collezione principale del Joslyn Art Museum.

Sono da riportare anche altri due eventi che hanno riguardato quest’opera di Bouguereau: vi sono stati due attacchi fisici alla tela, uno nel 1890 e nel 1976, che fortunatamente non hanno arrecato danni eccessivi al lavoro; gli sciacalli che effettuarono questi attacchi si giustificarono dicendosi sconcertati dalla nudità integrale presente nella composizione (molto lontana dai canoni dell’omonima opera del Botticelli di secoli addietro).

Analizziamo la scena: al centro troviamo una donna nuda, probabilmente Venere, la quale è circondata da amorini che si prendono cura e giocano con lei, mentre altri la circondano, dividendosi in un piccolo gruppo sulla destra sdraiato a terra, uno a sinistra in ascensione ed altri tre attorno al suo volto.

Estremamente realistica è l’espressione della donna, la quale sembra in trance mistico, avvolta dalla presenza e dalle cure degli amorini. La presenza dei fiori in primo piano sulla sinistra indicano un richiamo al mondo della natura ed alla stagione primaverile, e così allo stesso modo anche l’ambiente naturale che circonda il gruppo.

Dario Mastromattei

Sono un blogger curioso ed appassionato di tecnologia. Il mio obiettivo è far conoscere i capolavori della storia dell'arte nell'era digitale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.