La Libertà che guida il popolo di Eugène Delacroix: la faccia della Rivoluzione

Voglio farti conoscere la storia di un quadro memorabile. Si tratta di una tela che rappresenta un importante momento storico e l’artista che l’ha realizzata è Eugène Delacroix, un famosissimo pittore francese dell’800. Oggi ti spiegherò la Libertà che guida il popolo.

Ci sono un po’ di cose che devo dirti sull’opera ed ho deciso di scrivere questo articolo per spiegarti tutto in modo semplice e lineare.

Una volta che avrai finito di leggerlo ti garantisco che:

  • Conoscerai tutta la storia della tela
  • Capirai il motivo per cui è considerata una delle più celebri opere dell’arte francese
  • Scoprirai il significato di tutti i particolari della composizione

E molto altro ancora.

Sei pronto a conoscere a fondo questo capolavoro? Cominciamo.

Libertà che guida il popolo Eugène Delacroix
“Libertà che guida il popolo” Eugène Delacroix

Data di realizzazione: 1830

Dimensioni: 260 x 350 cm

Dove si trova: Musée du Louvre, Parigi

STORIA

È il 25 luglio 1830.

Il re di Francia Carlo X fa pubblicare delle ordinanze per eliminare la minaccia liberale.

Ecco alcune delle più importanti:

  1. Sospensione della libertà di stampa
  2. Scioglimento della Camera dei deputati
  3. Riforma del suffragio in modo tale da favorire l’aristocrazia

In questo modo tutto il potere è concentrato nelle sue mani ed in una ristretta cerchia di nobili.

Ma il popolo non ci sta.

È stanco di essere sottomesso.

Così impugna le armi e mette a ferro e fuoco la città di Parigi.

I combattimenti con l’esercito del re sono negli angoli delle strade e la capitale si trasforma in un teatro di guerra.

È un evento che cambierà la storia.

Delacroix lo sa.

Così decide di immortalare questo momento in una tela.

All’inizio la chiama 28 luglio.

Quello è il giorno in cui il popolo conquista il municipio.

Un’importante vittoria che in seguito porterà alla definitiva sconfitta del re.

Infatti, dopo 3 giorni di combattimenti Carlo X abdica e lascia il trono.

Il popolo ha vinto.

Carico di spirito patriottico il pittore inizia a lavorare sul suo capolavoro nel settembre 1830.

Ma non la realizza di getto, anzi.

Prima effettua degli schizzi e studia attentamente ogni dettaglio.

Il risultato finale è straordinario.

In una lettera indirizzata al fratello Eugène dice che è fiero di aver ritratto un momento così importante della storia francese.

Ma sia ben chiaro.

Cosa?

Il pittore non ha combattuto in prima fila.

E perché no?

Non poteva schierarsi apertamente contro quello Stato che fino a poco tempo prima gli ha commissionato opere d’arte.

Quando però si è reso conto della sofferenza del popolo, ha messo da parte i propri interessi ed ha abbracciato la rivoluzione.

Alcuni dei dettagli (di cui ti parlerò tra poco nella descrizione derivano dalla realtà che circonda il pittore.

Ad esempio?

La donna protagonista dell’opera ricorda La Curée di Auguste Barbier e Una semaine à Paris di Casimir Delavigne.

Si tratta di 2 testi pubblicati nel 1830 che raccontano di una grande folla di rivoltosi guidati da una donna del popolo simbolo della libertà.

E sai cosa hanno detto i critici quando hanno visto la Libertà che guida il popolo Delacroix?

Sono rimasti scioccati.

Non potevano credere che il pittore abbia rappresentato la rivoluzione in modo così crudo e violento.

Nella scena c’è sporcizia, fango e morti in primo piano.

È vero, la tela mostra la Libertà che sta trainando il popolo a riconquistare la propria libertà, ma in primo piano è impossibile non notare morte e distruzione.

Comunque il re Luigi Filippo di Francia – successore di Carlo X – compra la tela pagandola 3000 franchi.

Poi la fa esporre al Museo Reale.

Dopo un trasferimento al Palazzo del Lussemburgo, sarà lo stesso Delacroix a richiedere il proprio lavoro per metterlo in mostra all’Esposizione Universale del 1855.

Nel 1874, infine, il quadro viene portato al Louvre dove si trova oggi.

DESCRIZIONE

Guarda attentamente la scena.

Libertà che guida il popolo Eugène Delacroix
“Libertà che guida il popolo” Eugène Delacroix

Non c’è dubbio.

Il quadro di Delacroix la Libertà che guida il popolo è meraviglioso.

La scena è ambientata a Parigi.

Lo si capisce dalle caratteristiche torri di Notre-Dame che spiccano oltre il fumo sulla destra.

Particolare torri Notre-Dame Libertà che guida il popolo Delacroix analisi
Particolare delle torri di Notre-Dame

Il pittore ritrae l’istante in cui una barricata in città viene distrutta durante i combattimenti.

Il popolo è stanco ed ha deciso di riprendersi la propria libertà con la forza.

Particolare combattenti popolo Libertà che guida il popolo Delacroix analisi
Particolare dei combattenti in secondo piano

A terra c’è il caos e spiccano qua e là i resti della barricata che dovevano servire a tenere lontani i rivoltosi.

Particolare resti barricata Libertà che guida il popolo Delacroix analisi
Particolare dei resti della barricata

Ma non è bastata a fermarli.

La Libertà che guida il popolo di Delacroix è un’opera estremamente realistica.

Le truppe del re francese non hanno avuto alcuna speranza e sono stati travolti dalla furia del popolo.

I cadaveri di un paio di loro si vedono immediatamente in basso a destra, in primo piano.

Particolare cadaveri soldati esercito Libertà che guida il popolo Delacroix analisi
Particolare dei cadaveri dei soldati

Il conflitto, però, è costato la vita anche a qualche rivoltoso.

Particolare cadavere nudo Libertà che guida il popolo Delacroix analisi
Particolare del cadavere spogliato

Delacroix ci mostra un morto vestito a malapena con una camicia e sdraiato sui ruderi.

Stiamo assistendo ad una scena caotica e dinamica.

Dopo una breve rassegna dei cadaveri, la nostra attenzione ricade su un altro combattente in ginocchio.

Particolare contadino combattente in ginocchio libertà che guida il popolo Delacroix analisi
Particolare dell’uomo in ginocchio

Chi è?

Può essere un contadino o un lavoratore che cerca di farsi spazio tra le macerie per raggiungere – quasi ipnotizzato – la protagonista.

Particolare donna condottiera protagonista Libertà che guida il popolo Delacroix analisi
Particolare della protagonista

Lei è la liberta guida il popolo.

Sta spingendo le persone a combattere per mettere fine al dominio del re.

Da perfetta condottiera, con una mano sventola l’asta della bandiera francese e con l’altra impugna una baionetta (un fucile del periodo).

Mentre avanza tra le rovine, una spallina del vestito giallo de la Libertà Delacroix cade lasciandole il seno scoperto.

I parigini la seguono alla conquista della vittoria.

Ci sono altri personaggi che devi conoscere.

Chi?

Ci sono 2 giovani ragazzi che sono in prima linea a combattere.

Il primo si trova sulla destra del quadro la Libertà che guida il popolo.

Particolare ragazzo pistole Libertà che guida il popolo Delacroix analisi
Particolare del ragazzo con le pistole

Sta gridando con tutte le sue forze ed impugna una coppia di pistole.

L’altro sta sul lato sinistro mentre cerca di avanzare tra i resti della barricata armato con uno spadino e con gli occhi spalancati.

Particolare ragazzo striscia a terra Libertà che guida il popolo Delacroix analisi
Particolare del ragazzo che striscia a terra

E poi c’è un altro curioso personaggio che voglio farti vedere.

Particolare uomo capello cilindro Libertà che guida il popolo Delacroix analisi
Particolare dell’uomo con il cilindro

L’uomo con il cappello a cilindro.

So cosa ti stai chiedendo.

Perché è vestito in questo modo nel bel mezzo di una guerriglia?

In realtà il suo abbigliamento simboleggia il suo ceto sociale.

È un borghese che ha deciso di schierarsi con il popolo.

E ce lo prova sempre il suo abbigliamento (in particolare i pantaloni da lavoratore).

In ginocchio sulla parte più alta della barricata combatte in prima linea.

La rassegna dei protagonisti in primo piano de la Libertà guida il popolo di Delacroix si conclude con l’uomo che sta alle spalle del borghese.

Particolare uomo con sciabola Libertà che guida il popolo Delacroix analisi
Particolare dell’uomo con la sciabola

Armato con una sciabola rivolge il suo sguardo verso la donna condottiera.

E non è un caso che ti ho parlato esclusivamente di questi personaggi tralasciando la folla che si vede in secondo piano.

Perché?

Parte dei protagonisti che ti ho presentato infatti fanno parte della composizione piramidale dell’opera di Eugene Delacroix la Libertà che guida il popolo.

Particolare composizione piramidale Libertà che guida il popolo Delacroix analisi
Particolare della composizione piramidale della scena

E devo dirtelo.

Non è la prima volta che il pittore ricorre a questa struttura geometrica.

Anche nella Grecia sulle rovine di Missolonghi c’è la stessa soluzione; anche suoi colleghi hanno sfruttato lo stesso stratagemma, come si vede nella zattera della Medusa di Géricault.

Confronto composizione piramidale Libertà che guida il popolo Grecia sulle rovine di Missolonghi Delacroix Zattera della medusa Gericault analisi
Confronto della composizione piramidale ne “Libertà che guida il popolo” (sinistra), “Grecia sulle rovine di Missolonghi” (centro) e “Zattera della Medusa” (destra)

E non è tutto.

Per rendere ancora più “patriottica” la tela, Eugène ha utilizzato principalmente 3 colori in questa scena:

  • Blu
  • Bianco
  • Rosso

I colori della bandiera francese.

Particolare colori blu bianco rosso Libertà che guida il popolo Delacroix analisi
Particolare dei colori blu, bianco e rosso nella scena

Tra le altre tonalità spiccano anche il grigio ed il marrone, soprattutto nella zona dei detriti.

Particolare fonte luce Libertà che guida il popolo Delacroix analisi
Particolare della fonte di luce

Infine, la fonte di luce della scena proviene dalla sinistra e mette in risalto tutta la zona in primo piano.

SIGNIFICATO

Lascia che ti spieghi il significato dell’opera di Delacroix Libertà.

Tutto ruota attorno alla donna protagonista.

Particolare donna condottiera protagonista Libertà che guida il popolo Delacroix analisi
Particolare della protagonista

Ci sono dei particolari che la fanno assomigliare molto ad un’antica statua di una dea.

Il vestito strappato che mette in mostra il petto, la posa statuaria ed il fatto che sia scalza sono dei collegamenti più che evidenti alle opere antiche.

Ma è una donna vera? È esistita sul serio?

No.

È una figura ideale.

E guardandola bene, sembra quasi che stia su un piedistallo.

Ma sia chiaro: non parliamo di una bellezza ideale in senso tradizionale.

Che significa?

Questa donna non ricalca il modello di bellezza degli antichi.

E ce lo dimostrano i peli che ha sotto le ascelle.

Particolare peli ascelle donna Libertà che guida li popolo Delacroix analisi
Particolare dei peli sotto le ascelle della protagonista

Non è un dettaglio da sottovalutare.

Nel momento in cui Delacroix ha realizzato questa tela, molti dei suoi colleghi non avrebbero osato introdurre un particolare del genere.

Ma lui va controcorrente.

Vuole dimostrare che questa donna è una figura simbolica che si trova in una battaglia vera e propria.

Guardando la Libertà che guida il popolo di Eugène Delacroix è inevitabile non sentirsi dalla parte del popolo che sta combattendo per i propri diritti.

Ma c’è dell’altro.

Ricordi il giovane di cui ti ho parlato prima?

Particolare ragazzo pistole Libertà che guida il popolo Delacroix analisi
Particolare del ragazzo con le pistole

Pensa che Victor Hugo per il personaggio di Gavroche di I Miserabili si ispirerà a questo giovane.

Nel racconto Gavroche è un ragazzo di strada che sa come sopravvivere in questo difficile ambiente.

Delacroix, nella sua scena lo ha reso un simbolo dei giovani che si ribellano contro l’ingiustizia.

E poi c’è l’uomo borghese.

Particolare uomo capello cilindro Libertà che guida il popolo Delacroix analisi
Particolare dell’uomo con il cilindro

Gli esperti hanno riconosciuto in questa figura un autoritratto di Eugène o di un suo collega.

C’è un ultima curiosità che voglio farti conoscere a proposito dell’ambiente.

Ti ho già parlato delle torri di Notre-Dame che si vedono in alto a destra.

Ma non ti ho detto che la scena è ambientata sulla riva sinistra della Senna.

Dove di preciso?

È questo il bello.

Questo spazio non esiste: Delacroix ha messo insieme i particolari di vari ambienti ed ha dato vita ad un luogo nuovo.

Dario Mastromattei

Sono un blogger assetato di conoscenza curioso ed appassionato di tecnologia. Il mio obiettivo è far scoprire i capolavori e la bellezza dell'arte nell'era digitale.

8 risposte

  1. c ha detto:

    E’ un po’ improbabile che quel ragazzo sia ispirato a Gavroche se Les Miserables è del 1862, semmai è il contrario… ti consiglierei di controllare meglio le fonti e di curare di più esposizione e contenuti

  2. Jennifer ha detto:

    questo sito è davvero fantastico che è sicuramente meglio di alcuni libri di testo di terza media.
    Ringrazio Dario per la sua disponibilità e pazienza per aver pubblicato questo gratuitamente
    grazie

  3. goffredo ha detto:

    megagalattico ti stimo e ti incoraggio

  4. Laura ha detto:

    Sono una ragazza di terza media e mi serviva un approfondimento per un compito di arte e questo è il sito perfetto ti ringrazio moltissimo. lo consiglierò ad altre persone grazie ancora

  5. Giulia ha detto:

    grazie a te Dario, ho una analisi più approfondita. ora so dove posso trovare informazioni. 🙂

  6. Matteo ha detto:

    veramente eccezionale! sono uno studente di 3 media e mi serviva un’analisi più approfondita del quadro visto in classe, e questo sito è perfetto per questo scopo! grazie ad esso posso trovare molti più collegamenti con l’esame!

  7. Alice ha detto:

    Terza opera che ho cercato e che hai analizzato egregiamente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *