La danza di André Derain: analisi completa del quadro

Eccoci con un altro famoso quadro di André Derain, un popolare artista moderno che abbiamo già avuto possibilità di conoscere grazie allo studio approfondito di un’altra sua operaProseguendo ancora una volta tra le Derain opere, protagonista dell’articolo odierno sarà una delle sue tele più importanti, intitolata “La danza”.

All’interno di questo articolo troverete tutto quello che c’è da sapere su Andre pittore fauves, ed ovviamente anche maggiori dettagli su questa ed altre opere famose di Derain. Per qualsiasi informazione aggiuntiva relativa a tale artista o ai suoi lavori, potete lasciare un commento qui sotto e noi provvederemo ad aggiungerlo alla lettura di questo stesso articolo.

La danza André Derain analisi

“La danza” André Derain

Data di produzione: 1906

Dimensioni: 175 x 225 cm

Dove si trova: Collezione privata

A primo impatto, “La danza” di Derain sembrerebbe un quadro collegabile fondamentalmente ai temi tipici del Primitivismo. Allo stesso modo, anche un altro famoso pittore fauves, ovvero Henri Matisse realizzò un quadro con un titolo omonimo e che si rivelò essere uno dei suoi massimi capolavori. Tra le opere Derain, questa “La danza” senza dubbio ci permette di capire qualcosa in più sullo stile artistico di questo artista e sull’importanza che egli ha avuto nella storia dell’arte moderna.

Le protagoniste della composizione sono delle donne esotiche, alcune riconducibili a delle divinità ed altre invece non sono perfettamente identificabili. Nell’opera Derain, queste donne sono collegate tra loro grazie ad un movimento, o meglio una danza, che è il tema portante del quadro; a circondarle, troviamo un ambiente lussureggiante e naturale, mentre alcuni animali seguono le donne nei loro movimenti.

Gli animali presenti nel quadro sono: un serpente sulla sinistra della tela, che potrebbe simboleggiare la tentazione ed il peccato, proprio come nel mondo cristiano, poi un pappagallo molto colorato sulla sinistra della tela ed anche un piccolo rospo in basso a sinistra, completamente mimetizzato nell’erba alta, e da cui emergono principalmente i suoi occhi gialli.

Più che un’influenza impressionista e post-impressionista, “La danza” si avvicina soprattutto alle tradizionali atmosfere africane: i colori, le vesti, le maschere e gli ambienti rappresentati sono quelli tipici di quel luogo e che si richiamano perfettamente allo stile pittorico Derain: ambientazioni surreali, colori accesi e semplificazione delle forme.

Dario

Sono un blogger curioso ed appassionato di tecnologia. Il mio obiettivo è far conoscere i capolavori della storia dell'arte nell'era digitale.

2 risposte

  1. Adrian ha detto:

    Gracias por la información, me gustaría ver tus artículos de arte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.