La compagnia del capitano Bicker e del tenente Jan Michielsz Blaeuw di Bartholomeus Van Der Helst: analisi completa del quadro

Proseguiamo con le nostre analisi dei quadri più importanti della storia dell’arte, ed oggi andiamo ad occuparci di un pittore olandese di grande prestigio, il quale ottenne fama e riconoscimenti fin dagli inizi della sua carriera: il pittore in questione è Bartholomeus Van Der Helst. In questo articolo, troverete tutti i dettagli inerenti ad uno dei suoi quadri più complessi e conosciuti al pubblico, intitolato “La compagnia del capitano Bicker e del tenente Jan Michielsz Blaeuw”.

All’interno di questo post, troverete i principali dettagli del quadro di Bartholomeus Van Der Helst: parleremo della data di produzione, delle mastodontiche dimensioni dell’opera, del luogo di conservazione ed infine effettueremo l’analisi stilistica del lavoro, così da avere un prospetto completo del dipinto del pittore olandese.

La compagnia del capitano Bicker e del tenente Jan Michielsz Blaeuw Bartholomeu Van Der Helst analisi

“La compagnia del capitano Bicker e del tenente Jan Michielsz Blaeuw” Bartholomeu Van Der Helst

Data di produzione: 1639

Dimensioni: 235 x 750 cm

Dove si trova: Rijksmuseum, Amsterdam

Il quadro “La compagnia del capitano Bicker e del tenente Jan Michielsz Blaeuw”, incarna tutte le caratteristiche fondamentali dello stile pittorico di Bartholomeus Van Der Helst: egli fin dai suoi primi lavori dimostrò di essere un pittore di talento, e cominciò a diventare popolare agli occhi del pubblico grazie ad un lavoro del 1648, ovvero il “Banchetto della Guardia Civica di Amsterdam in celebrazione della Pace di Münster”; il lavoro appena citato mise in mostra la grande abilità del pittore olandese, il quale già in precedenza aveva realizzato diversi ritratti di gruppo (tra cui anche quello di cui parliamo oggi), ma questo venne apprezzato fin da subito e gli permise di diventare uno degli artisti più acclamati in Olanda.

“La compagnia del capitano Bicker e del tenente Jan Michielsz Blaeuw” è un gigantesco ritratto di gruppo, dove vengono effettivamente ritratti la compagnia del capitano Bicker e del suo tenente: i soggetti sono moltissimi, ma fin da subito si può riconoscere chi sia effettivamente il capitano Bicker, poiché è l’unico che indossa un abito bianco finemente decorato e diverso dagli altri uomini, i quali sembrano indossare tutti la divisa.

Davanti al capitano, un uomo si toglie il cappello in segno di rispetto, mentre con l’altra trattiene una lancia, come se si fosse presentato davanti al suo superiore per fare rapporto riguardo il suo ultimo incarico.

La grande maggioranza dei soggetti presenti in questo quadro di Bartholomeus Van Der Helst, sembra essere in posa per il ritratto dell’artista; spostando il nostro sguardo sulla sinistra, è possibile notare che nella compagnia è presente anche un bambino vestito di grigio, il quale impugna una piccola lancia. In primo piano, un uomo vestito con una giacca gialla, impugna un fucile, puntato proprio dove si trova il capitano che dialoga con l’uomo accennato precedentemente, ma non ci sono abbastanza dettagli per spiegare tale gesto da parte del soldato.

I colori sono abbastanza spenti e variano dal nero fino al marrone dei vestiti, per poi passare all’utilizzo di un giallo scuro ed anche un tocco di rosso per il vestito del bambino in primo piano, nascosto dietro l’uomo proprio al centro della composizione.

Per molto tempo, questo lavoro di Bartholomeus Van Der Helst è stato affiancato per similitudine, ad un capolavoro di un altro artista, ovvero “La ronda di notte” di Rembrandt.

Se volete aggiungere qualche altra informazione su questo pittore o su tale opera, non dovete fare altro che lasciare un commento qui sotto e noi aggiungeremo il vostro appunto a questo articolo.

Dario

Sono un blogger curioso ed appassionato di tecnologia. Il mio obiettivo è far conoscere i capolavori della storia dell'arte nell'era digitale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.