Il Mediterraneo in mostra al Maxxi

Logo BNP Paribas

Logo BNP Paribas

Tra le tantissime mostre che riescono a risollevare il paese in un momento di crisi come questo, uno in particolare sta ottenendo particolare attenzione al Maxxi, famosissimo museo italiano; la mostra parla del Mediterraneo, sotto tantissimi punti di vista.

Tutto comincia grazie al gruppo Bnp Paribas, il quale dopo cento anni di attività vuole celebrare il proprio operato e ricordare le proprie origini proprio attraverso una mostra riguardante l’area in cui hanno operato di più: il Mediterraneo.

Che sia un posto bellissimo lo sappiamo tutti, italiani e non; che sia spettacolare perchè è un misto tra mare e montagna è qualcosa ormai di accertato, e spettacoli così sulla Terra non ve ne sono molti, lo garantisce anche il sottoscritto.

La mostra prende il nome di ““The sea is my land”, con oltre 140 opere esposte che mostrano questo bellissimo tema sotto tantissime prospettive: paesaggio naturale, economico, area di sviluppo e di incontro di tante popolazioni.

Mar Mediterraneo

Mar Mediterraneo

Non solo mare e belle spiagge, ma anche il fattore principale che ruota attorno a tutto: l’uomo. Tra le 140 opere, emergono tantissime fotografie ed immagini che rappresentano questo spicchio di paesaggio che ha veramente qualcosa di eccezionale e oltre ai 22 artisti chiamati da Bnp Paribas, se ne aggiunge anche un’altra neofita, Rori Palazzo, che ha vinto un concorso on-line indetto dallo stesso gruppo per gli artisti al di sotto dei quaranta anni.

Lo scopo principale della mostra è quello di mettere in primo piano il paesaggio, ma non nella sua veste più banale, bensì come punto di incontro di pluralismi religiosi e di tante etnie differenti che devono e vogliono sopratutto cercare di trovare un punto di dialogo pacifico, per rendere definitivamente questo quadro paesaggistico completo.

La mostra, come già detto, sarà indetta al MAXXI e sarà completamente gratuita fino al 29 Settembre, dopo di che si sposterà per fare tappa a Milano. Accorrete in tantissimi.

Fonte: Arte.it

Dario Mastromattei

Sono un blogger curioso ed appassionato di tecnologia. Il mio obiettivo è far conoscere i capolavori della storia dell'arte nell'era digitale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.