Il bacio di Gustav Klimt: Il Capolavoro d’Oro

Voglio farti conoscere una delle opere più famose di tutti i tempi. Questa tela è stata realizzata da Gustav Klimt, pittore austriaco vissuto a cavallo tra ‘800 e ‘900 ed autore di fantastici lavori tra cui quello di cui ti parlerò oggi: il Bacio.

Ci sono molte cose che devi sapere su questo capolavoro.

Ho deciso di scrivere questo articolo per spiegarti tutto in modo chiaro e semplice.

Una volta che avrai finito di leggerlo, ti assicuro che:

  • Conoscerai la storia dell’opera
  • Scoprirai quali sono i dettagli più importanti della composizione
  • Scoprirai il significato del lavoro e capirai perché ha avuto così tanto successo

E molto altro ancora.

Sei pronto per conoscere per bene il Bacio di Klimt? Cominciamo.

Il Bacio Gustav Klimt
“Il bacio” Gustav Klimt
Data di realizzazione1907-1908
Dimensioni180 x 180 cm
Dove si trovaÖsterreichische Galerie Belvedere, Vienna

STORIA

Quando Klimt realizza quest’opera è già un artista affermato.

Siamo nel pieno della sua carriera, nella fase detta periodo d’oro.

Periodo d’oro?

Esatto.

Ha questo nome perché – per i lavori creati in questo periodo – Gustav utilizza soprattutto il color oro.

Questo è il suo marchio di fabbrica.

Ed i risultati sono straordinari.

So cosa ti stai chiedendo.

Come ha avuto l’idea di utilizzare il color oro?

Ora te lo spiego.

Klimt nel 1903 si reca 2 volte a Ravenna.

Qui ammira dal vivo i leggendari mosaici conservati nella basilica di San Vitale risalenti all’età bizantina.

Affreschi Basilica San Vitale Il bacio Klimt
Affreschi di San Vitale

Ne rimane talmente affascinato che cerca in tutti i modi di replicare l’effetto di queste antiche opere nei suoi lavori.

E ci riesce.

Andiamo avanti e lascia che finisca di spiegarti la storia de il Bacio Klimt.

Gli inizi del ‘900 sono anni di grande fermento.

Le industrie lavorano a pieno ritmo, la scienza fa molti passi in avanti e la società vive un periodo di tranquillità.

Ma non l’arte.

E perché?

Gli artisti vissuti in questo periodo ritengono che non abbia più quell’importanza che aveva avuto in passato e si sia impoverita.

In questo contesto nasce il capolavoro di Klimt.

Una piccola curiosità: in origine il titolo dell’opera non era “Il bacio” ma Das Liebespaar, cioè “Gli amanti”.

Gustav ci lavora a piene energie nella prima metà del 1908 e la termina nel giro di un anno.

Appena completato il quadro il bacio di Klimt è protagonista di una mostra a Vienna.

Ed ottiene immediatamente un successo straordinario.

Al termine della mostra il lavoro viene trasportato alla Neue Galerie (oggi l’Österreichische Galerie Belvedere), dove si trova ora.

DESCRIZIONE

Guarda con attenzione questa tela.

Il Bacio Gustav Klimt
“Il bacio” Gustav Klimt

Prima di parlarti di dettagli, particolari e della composizione c’è una cosa molto importante che voglio dirti.

E sarebbe?

Il bacio Gustav Klimt è stato realizzato su una tela quadrata e non rettangolare come si fa di solito.

E perché?

Te lo dirò più tardi.

Ora concentriamoci sui protagonisti: un uomo ed una donna che si abbracciano in un luogo immaginario.

Particolare protagonisti uomo donna il bacio Klimt analisi
Particolare dei protagonisti

Lui sta stringendo dolcemente il viso della donna ed appoggia la sua testa su quella della compagna.

Quest’ultima invece ha il volto messo di lato appoggiato sulla propria spalla sinistra.

Particolare teste protagonisti il bacio Klimt analisi
Particolare delle teste dei protagonisti

Stando in questa posizione possiamo osservare da vicino la sua faccia.

Particolare volto donna protagonista il bacio Klimt analisi
Particolare del volto della donna

Ha un colorito molto chiaro e le guance sono leggermente arrossate.

I suoi occhi chiusi indicano un’espressione serena e rilassata.

Se guardi un po’ più a destra vedrai che tra i suoi capelli ci sono dei fiori.

Particolare fiori capelli donna protagonista il bacio Klimt analisi
Particolare dei fiori tra i capelli della donna

A circondare i volti dei protagonisti ci sono le loro mani.

Lei ha il braccio destro alzato e la mano sul collo del compagno e con la sinistra stringe l’altra sua mano.

Particolare mani protagonisti uomo donna il bacio Klimt analisi
Particolare delle mani

E per quanto riguarda l’uomo? Ci sono dei dettagli degni di nota?

Giusto uno.

L’uomo ritratto ne il bacio quadro di Klimt non ha dei fiori tra i capelli, ma una ghirlanda di foglie d’edera.

Particolare ghirlanda capelli uomo protagonista il bacio Klimt analisi
Particolare della ghirlanda

Anche i vestiti sono molto interessanti.

Particolare protagonisti uomo donna il bacio Klimt analisi
Particolare dei vestiti

Entrambi indossano delle vesti larghe color oro, caratterizzate da motivi astratti e luminosi.

La donna, in particolare, ha una veste attillata che lascia gambe e spalle scoperte.

Il protagonista del lavoro di Gustav Klimt il bacio invece veste una larga tunica con quadrati neri, bianchi e grigi.

Ma non farti ingannare.

Da cosa?

Con tutto quest’oro è difficile notarlo, ma entrambi i protagonisti sono inginocchiati su un prato con dei fiori.

Particolare ghinocchia protagonisti il bacio Klimt analisi
Particolare della posizione dei protagonisti

Un prato?

Esatto.

Nella sezione inferiore del quadro bacio di Klimt c’è un grande prato con fiori gialli e viola.

Particolare prato fiori il bacio Klimt analisi
Particolare del prato

Ed hai notato quella sorta di aura che avvolge i protagonisti?

Particolare aura il bacio Klimt analisi
Particolare dell’aura

È come una barriera che si estende alle spalle della donna ed arriva a terra trasformandosi in lunghi fili con triangoli d’oro.

Particolare triangoli oro aura il bacio Klimt analisi
Particolare dei triangoli d’oro

Lo sfondo dell’opera è caratterizzato invece da tantissimi puntini d’oro.

Particolare sfondo il bacio Klimt analisi
Particolare dello sfondo

Ma c’è altro che devi sapere su questo lavoro.

Per esempio?

I contrasti sono alla base di tutta l’opera.

Mi spiego meglio.

Dà un’occhiata alle mani dei protagonisti.

Particolare mani protagonisti uomo donna il bacio Klimt analisi
Particolare delle mani

Lui ha delle mani scure, ruvide e spigolose; quelle di lei sono delicate, morbide ed allungate.

Anche i colori sono importanti.

Quel velo d’oro che avvolge i personaggi di cui ti ho parlato prima ha una luminosità decisamente maggiore rispetto a quella dello sfondo.

Particolare contrasto colore oro sfondo aura il bacio Klimt analisi
Particolare del contrasto tra l’aura (sinistra) e lo sfondo (destra)

E guarda da più vicino la veste della donna.

Particolare dettagli colorati vestito donna protagonista il bacio Klimt analisi
Particolare dei dettagli colorati del vestito della donna

Qua e là ci sono cerchi blu, verdi e rossi che saltano subito all’occhio rispetto al colore oro che domina tutta la composizione.

E tranquillo, non ho dimenticato.

Sai perché il quadro di Klimt bacio è stato realizzato su una tela quadrata e non rettangolare?

In questo modo Gustav ha potuto mettere ancora più in risalto la coppia di protagonisti.

SIGNIFICATO

Cerchiamo di capire qual è il significato di quest’opera.

Voglio farti una domanda.

Ti sei chiesto chi siano i protagonisti della scena?

Questa domanda se la sono posta molti studiosi.

Elizabeth Hickley, nel suo romanzo The Painted Kiss ha ipotizzato che l’uomo fosse lo stesso Klimt e la donna Emilie Flöge, la sua compagna.

Ed è così?

Non ci sono prove.

Anzi, lo stesso artista ha detto che questa tela è solo un’allegoria dell’amore.

E c’è dell’altro.

I critici ritengono che nel 1907 Klimt avesse raggiunto una “maturità artistica” nella sua carriera.

Questo periodo è caratterizzato da molti ritratti di donne simili tra loro.

E si vede anche nel bacio di Klimt.

Cioè?

Le tonalità dorate che usa servono a mettere in risalto l’amore tra l’uomo e la donna, i quali arrivano quasi a fondersi con un abbraccio.

Attorno ai 2 un’aura luminosa, quasi divina li avvolge.

Guardala più da vicino.

Particolare motivo spirale aura il bacio Klimt analisi
Particolare del motivo a spirale nell’aura

Hai notato le spirali?

Questa struttura simboleggia l’infinito.

In questo particolare contesto potrebbe alludere al fatto che l’amore non ha fine.

A questo proposito voglio farti notare un’altra cosa.

Cosa?

Il prato.

Ti sei reso conto che subito a destra dei piedi della donna finisce e c’è un baratro?

Particolare fine prato il bacio Klimt analisi
Particolare della fine del prato

Non è un errore dell’artista.

Come ti ho detto prima il bacio di Gustav Klimt è basato sui contrasti.

Da un lato c’è l’aura con la spirale che rappresenta l’infinito, dall’altro l’improvvisa fine del prato potrebbe indicare che ogni cosa terrena è destinata a finire.

Sai perché questa tela ha avuto così tanto successo?

Per la sua apparente semplicità.

Il lavoro di Klimt potrebbe rappresentare l’amore senza fine incastonato in una scena completamente dorata.

Ah, un’ultima cosa.

Ricordi la ghirlanda tra i capelli dell’uomo?

Particolare ghirlanda capelli uomo protagonista il bacio Klimt analisi
Particolare della ghirlanda

È un dettaglio che Klimt ha ripreso dalla mitologia greca; la ghirlanda infatti era un dettaglio legato a Dioniso e rappresentava l’amore.

Dario Mastromattei

Sono un blogger curioso ed appassionato di tecnologia. Il mio obiettivo è far conoscere i capolavori della storia dell'arte nell'era digitale.

9 risposte

  1. Patricia ha detto:

    Molto coinvolgente. Scopro solo oggi questa area che trovo sia utilissima e molto coinvolgente sia per gli adulti ma molto di più per i giovani che si affacciano al mondo dell’arte. Ci sono sempre dettagli che uno non conosce. Un bel ritmo narrativo che ti prende fino all’ultima parola. Bravo Dario spero di trovare molto di più .

  2. GAETANO ha detto:

    MOLTO DETTAGLIATO,RICCO DI PARTICOLARI, OTTIMI DETTAGLI TECNICI.HO DIPINTO UNA COPIA,E QUESTA DESCRIZIONE È STATA MOLTO UTILE.

  3. Antonella ha detto:

    Grazie, interessante!! Non ho cultura artistica ma. Sei stato molto chiaro e d apprezzo tantissimo chi riesce a spiegare un’opera come fosse un libro, con la stessa intensità anzi i questo caso talvolta lascia molto anche all’interpretazione di chi osserva un’ opera

  4. Claudia ha detto:

    sei davvero una risorsa. appassionato e mai banale. stupendo leggerti anche quando si consocono bene le opere. grazie!

  5. Patrizia Guzzoni ha detto:

    Sarei curiosa di sapere qualcosa sulla provenienza del dipinto e se ha una storia analoga al ritratto di Adele Bloch Bauer.

  6. Margherita ha detto:

    Sarei curiosa di capire se ci sono più profonde affinità tra il quadro e il mito di Apollo e Dafne.Lo trovo un collegamento interessante.

    • Dario Mastromattei ha detto:

      Ciao Margherita, grazie per il tuo commento. 🙂

      Sicuramente il soggetto erotico lega il quadro di Klimt al mito di Apollo e Dafne, e secondo me potrebbe esserci qualche richiamo all’antico mito: in effetti la posizione della donna sembra quasi come se stesse per staccarsi dall’uomo per abbandonarsi alla natura sottostante, proprio come Dafne che si trasforma in pianta per scappare da Apollo.

      Grazie per lo spunto, mi informerò meglio. 🙂

  7. anna caruso ha detto:

    mi è stato molto utile,grazie

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.