I tre ballerini di Pablo Picasso: analisi completa dell’opera

Andiamo a conoscere tutti i dettagli riguardanti un importante lavoro di Pablo Picasso, popolare artista del Novecento, il quale è passato alla storia per essere stato un grande esponente del movimento cubista ed anche per il suo carisma. Abbiamo già conosciuto un importante lavoro di Picasso, realizzato agli inizi del Novecento ed avente per soggetto una sua cara amica, ovvero Ritratto di Gertrude Stein, tutt’ora conservato in uno dei più prestigiosi musei americani. Oggi andremo a scoprire tutto quello che riguarda un’altra opera di Picasso, intitolata “I tre ballerini”.

Qui potrete leggere tutto quello che riguarda quest’opera di Picasso, come data di realizzazione, dimensioni, luogo di conservazione e molto altro, tra cui anche la descrizione approfondita dell’opera, così da poter avere sott’occhio tutte le caratteristiche de “I tre ballerini” di Picasso.

I tre ballerini Picasso analisi

“I tre ballerini” Pablo Picasso

Data di realizzazione: 1925

Dimensioni: 215 x 142 cm

Dove si trova: Tate Gallery, Londra

Questo quadro è stato acquistato solo quaranta anni dopo il suo completamento dalla Tate Gallery di Londra, per diventare parte fondamentale della collezione di tale museo; l’acquisto di questo lavoro da parte della famosa istituzione museale britannica è stato facilitato tra l’altro dall’amicizia di Pablo Picasso con Roland Penrose, un fiduciario della Tate Gallery durante quegli anni.

“I tre ballerini” di Picasso, è stato realizzato nel 1925, durante un viaggio a Monte Carlo effettuato dall’artista in compagnia di sua moglie, la ballerina Olga Khokhlova; in quegli anni, Picasso stava studiando le caratteristiche del Surrealismo ed in particolare delle opere di André Breton.

I protagonisti della composizione sono tre ballerini: il ballerino sulla destra è poco chiaro e pochi dettagli lo rendono identificabile; nonostante le difficoltà, i critici tendono a riconoscere in questo ballerino la persona di Ramon Pichot, amico di Picasso, il quale è morto mentre il pittore spagnolo stava realizzando questo lavoro.

Il ballerino di sinistra è identificabile come Germaine Gargallo, moglie di Ramon, mentre il ballerino al centro potrebbe essere Carlos Casagemas, altro amico di Picasso. Queste tre figure sono connesse tra loro, perché oltre ad esserci i coniugi, ovvero Pichot e Germaine, Carlos era amante della donna.

Molti anni prima della morte di Pichot, Casagemas si è suicidato dopo il tentato omicidio di Germaine (Picasso ha realizzato un quadro per ricordare il suo amico morto suicida), ed ora, la morte di Ramon ha portato Picasso a rappresentare i suoi tre amici uniti da un triangolo amoroso in una triste danza, con caratteristiche non reali.

La scena si svolge all’interno di una stanza, dove si scorge una finestra con un balcone, con pochi dettagli all’esterno, così da permettere all’osservatore di concentrare il proprio sguardo sull’inquietante danza che sta avvenendo in primo piano. I colori utilizzati sono il rosa, il marrone, il nero, il giallo, il rosso e l’azzurro, tutti perfettamente divisi, così da risultare una scena geometricamente corretta e priva di compenetrazione di colori.

Dario Mastromattei

Sono un blogger assetato di conoscenza curioso ed appassionato di tecnologia. Il mio obiettivo è far scoprire i capolavori e la bellezza dell'arte nell'era digitale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *