Evocazione di Pablo Picasso: analisi completa del quadro

Analizziamo da vicino un importante lavoro di inizio Novecento realizzato da Pablo Picasso, poliedrico artista che durante la sua carriera artistica è stato legato ad innumerevoli correnti artistiche, tra le quali, quella che gli ha donato maggiore popolarità tra il pubblico è stata senza dubbio quella Cubista. Terminata la fase cubista, Picasso cominciò ad avvicinarsi al Classicismo, senza però dimenticare la lezione Cubista e realizzando opere come Reading the Letter. Il quadro che andremo ad analizzare oggi, non fa parte del filone delle opere cubiste di Picasso ed è intitolato “Evocazione”.

In questo articolo troverete tutto quello che riguarda questo lavoro di Picasso, intitolato anche “Sepoltura di Casagemas” o anche “Funerale di Casagemas”; oltre alle informazioni generiche, qui riporteremo anche la descrizione approfondita dell’opera del famoso pittore.

Evocazione Pablo Picasso analisi

“Evocazione” Pablo Picasso

Data di realizzazione: 1901

Dimensioni: 150 x 90 cm

Dove si trova: Musée d’Art Moderne de la Ville de Paris, Parigi

Questa “Evocazione” di Picasso, è stata realizzata dal pittore per ricordare Carlos Casagemas, un suo caro amico morto suicida proprio nel 1901 a seguito di una delusione amorosa. Per onorare la memoria del suo amico Carlos, Picasso decide di realizzare un’opera che rappresenta allegoricamente il funerale dell’amico.

La composizione è divisa in due parti: nella parte inferiore, che sembra avvenire in un cimitero, si trova il corpo di Carlos, avvolto in una coperta bianca, mentre intorno a lui si trova un gruppo di persone afflitte dal dolore della perdita del loro caro. I volti delle persone sono privi di dettagli e ridotti al minimo, per smistare l’attenzione dell’osservatore all’intera composizione piuttosto che alla singola identità di ciascuno dei presenti.

Nella parte superiore della composizione, si estende un paesaggio completamente differente da quello enunciato precedentemente: in un ambiente colmo di nuvole, ci sono vari gruppi di personaggi; al centro, si trovano due piccoli bambini, con accanto una donna il cui abbigliamento ricorda quello della Vergine; sulla destra, una coppia si stringe e sembra scrutare qualcosa fuori l’orizzonte, mentre sulla destra un gruppo di donne nude e con indosso solo delle calze, con un’espressione completamente sorpresa, guardano un uomo (probabilmente Carlos) su un cavallo bianco, abbracciato ad un’altra donna, mentre si dirigono verso il cielo.

I colori utilizzati sono molto scuri, e la tonalità più utilizzata è il blu: quest’ultimo viene utilizzato per le nuvole, per il vestito dei partecipanti al funerale, per la pelle dei protagonisti del paradiso (mescolato al rosa) ed anche per l’ambiente terrestre, mescolato al verde per l’erba.

Questa “Evocazione” di Picasso è liberamente ispirata ad una delle opere più celebri del pittore denominato El Greco, ovvero la “Sepoltura del conte di Orgaz”.

Dario Mastromattei

Sono un blogger assetato di conoscenza curioso ed appassionato di tecnologia. Il mio obiettivo è far scoprire i capolavori e la bellezza dell'arte nell'era digitale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *