Campo di grano con cipressi di Van Gogh: analisi completa del quadro

Scopriamo ancora qualche opera del maestro olandese di arte Vincent Van Gogh; man mano che analizziamo i suoi quadri più famosi scopriamo sempre qualcosa di nuovo sulla vita di tale artista. Nell’articolo di oggi scopriremo ancora una volta un Van Gogh impressionista, grazie all’analisi del quadro Campo di grano con cipressi, un altro bellissimo quadro che merita senz’altro la nostra attenzione.

campo-di-grano-con-cipressi-van-gogh-analisi

Data di produzione: 1889

Dimensioni: la prima 72.1×90.9 cm, la seconda 73×93.4 cm mentre la terza non è pervenuta

Dove si trova: la prima alla National Gallery, Londra; la seconda Metropolitan Museum of Art, New York; la terza in una collezione privata

Come avrete potuto notare, non si tratta di una singola opera, bensì di ben tre opere che rappresentano tre momenti diversi della stessa giornata in una campagna colpita dal vento. Qui possiamo vedere ancora una volta il lato prettamente impressionista di Van Gogh, dove mette a frutto tutto ciò che ha imparato con questa scuola. Campo di grano con cipressi è una delle serie più belle realizzate dal pittore olandese, sia per la bellezza del paesaggio che per la maestria da parte dello stesso di saper mescolare la tradizione impressionista con il suo caratteristico modo di vedere il mondo, che rende tutto “magico” per mezzo della pittura.

Nella prima opera di Campo di grano con cipressi possiamo notare che il soggetto è un angolo di campagna, dove si trova un cipresso sulla destra, un cielo tormentato dal vento e offuscato dalle nuvole e un grande campo di spighe che si trova in primo piano. Un bellissimo effetto illusionistico di luce/ombra e di movimento è dato grazie alle varie tonalità di beige che vengono utilizzate per rendere questo campo di grano che domina tutta la parte bassa del quadro; i cespugli che si trovano invece nella zona intermedia del dipinto Campo di grano con cipressi sono realizzati con varie tonalità di verde, a cui si vanno a mischiare anche i cipressi sempre dello stesso colore, ma nettamente più distinti e scuri. Sullo sfondo possiamo apprezzare invece le montagne di un colore azzurro e blu, che, nonostante il colore simile, è in netto contrasto con le nuvole piene di curve nella parte alta del dipinto.

Van Gogh è riuscito a trasformare la “lezione” degli impressionisti in qualcosa di veramente unico, e proprio questo sarà il motivo che renderà il pittore olandese uno degli artisti più amati di tutti i tempi.

Dario Mastromattei

Sono un blogger assetato di conoscenza curioso ed appassionato di tecnologia. Il mio obiettivo è far scoprire i capolavori e la bellezza dell'arte nell'era digitale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *