Busto di Antonio Cepparelli di Gian Lorenzo Bernini: analisi completa della scultura

Scopriamo oggi uno dei molteplici lavori di Gian Lorenzo Bernini, popolarissimo scultore del Seicento che ha realizzato senza dubbio alcune tra le opere in marmo più realistiche e carismatiche di sempre nel mondo dell’arte italica. Oggi, per scoprire le caratteristiche dello stile delle sculture del Bernini, scopriremo il Busto di Antonio Cepparelli .

All’interno di questo articolo troverete tutti i dettagli relativi a questo importante lavoro dello scultore Bernini, partendo prima di tutto dai dati tecnici, come ad esempio data di realizzazione, dimensioni e luogo di conservazione, e successivamente potrete trovare una descrizione approfondita di questa scultura.

Busto Antonio Cepparelli Bernini scultura mezzobusto

“Busto di Antonio Cepparelli” Gian Lorenzo Bernini

Data di produzione: 1622

Dimensioni: 70 x 60 cm

Dove si trova: San Giovanni dei Fiorentini, Roma

Il “Busto di Antonio Cepparelli” è un’importante opera di Gian Lorenzo Bernini, e raffigura uno dei più importanti cittadini fiorentini trapiantato a Roma, il quale godeva di ottima fama, soprattutto per aver lasciato gran parte dei suoi beni all’Ospedale di San Giovanni dei Fiorentini, al momento della sua morte.

Per celebrare la sua magnanimità, Bernini venne incaricato di realizzare il busto di Cepparelli, attualmente conservato proprio al San Giovanni dei Fiorentini.

Questo lavoro rappresenta il mezzobusto di Antonio Cepparelli, il quale è stato realizzato completamente in marmo; il soggetto indossa una giacca di pelle aderente con una cappa appoggiata sulla spalla sinistra, e tutto l’abbigliamento è finemente decorato in ogni dettaglio.

Spostando la nostra attenzione sul volto di Antonio Cepparelli, è possibile notare che il Bernini scolpisce uno sguardo molto tranquillo, gli occhi sono superficiali e le guance sono estremamente realistiche e di poco infossate.

Il marmo è perfettamente levigato, e il Bernini dona al mezzobusto un’eccezionale realismo, come è possibile notare dalle pieghe sul petto, visibili sulla camicia indossate da Antonio Cepparelli. Rispetto alle prime opere, questo “Busto di Antonio Cepparelli” è un punto importante nella carriera di Gian Lorenzo Bernini e dimostra gli eccellenti progressi che lo scultore stava effettuando in quegli anni.

Dario Mastromattei

Sono un blogger curioso ed appassionato di tecnologia. Il mio obiettivo è far conoscere i capolavori della storia dell'arte nell'era digitale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.