Busto del cardinale Richelieu di Gian Lorenzo Bernini: analisi completa della scultura

Descriviamo un lavoro del famoso scultore del Seicento, Gian Lorenzo Bernini. Egli nella sua vita ha realizzato tantissime sculture di grande livello artistico utilizzando i più vari materiali: dal tradizionale marmo fino all’utilizzo della semplice terracotta (come abbiamo visto nella piccola statua della Carità con quattro bambini). Nell’articolo odierno andremo a scoprire tutto quello che riguarda la scultura del Bernini intitolata Busto del cardinale Richelieu .

In questo piccolo articolo potrete trovare riassunta la breve storia della nascita di questo busto con soggetto il famoso cardinale francese, ma anche alcuni dettagli tecnici, come ad esempio le dimensioni, il luogo di conservazione dell’opera e anche l’anno in cui è stata realizzata la scultura.

Cardinale Richelieu scultura bernini

“Busto del cardinale Richelieu” Gian Lorenzo Bernini

Data di produzione: 1641

Dimensioni: 83 cm

Dove si trova: Musée du Louvre, Parigi

Richelieu, oltre ad essere cardinale era anche il primo ministro di Luigi XIII, quindi era una persona di grande importanza.

Egli, per celebrare la propria persona, ordinò nel 1640 allo scultore Bernini di realizzare una statua di se stesso a tutto busto; lo scultore, prima di accettare, però doveva verificare se i suoi protettori, ovvero il cardinale Barberini e il Pontefice Urbano VIII erano d’accordo con questa richiesta.

La persona che rappresentava il cardinale Richelieu fu Mazarino, e dopo lunghe discussioni, riuscì ad ottenere per il committente unicamente una statua a mezzobusto, poiché il Papa non era d’accordo con la realizzazione della statua com’era stata concepita da Richelieu.

Qualche tempo dopo, terminato il mezzobusto, questo venne portato in Francia, ma il committente non lo apprezzò assolutamente, poiché pensava che non gli somigliasse.

Sotto il punto di vista artistico, questo lavoro è davvero eccellente e mostra ancora la grande abilità del Bernini nel suo settore: la mantella, l’abbigliamento e gli accessori sono resi in maniera eccezionale e realistica, così anche come il volto (e le spalle dritte) di Richelieu, che sembra trasmettere un forte senso di nobiltà e potere.

Dario

Sono un blogger curioso ed appassionato di tecnologia. Il mio obiettivo è far conoscere i capolavori della storia dell'arte nell'era digitale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.