Ballo in campagna di Renoir: analisi completa del quadro

Approfondiamo il nostro viaggio tra le innumerevoli tele realizzate dal pittore francese di cui ci stiamo occupando, ovvero Pierre-Auguste Renoir. Dopo aver visto un’opera che ha per protagonista una tenera bambina, oggi invece vedremo un altro quadro che ha come soggetto una coppia che sta danzando: il titolo dell’opera è Ballo in campagna. Cerchiamo di capire il significato dell’opera e anche la storia che si trova dietro questo bel quadro.

Ballo-in-campagna-renoir-analisi

Data di produzione: 1883

Dimensioni: 180 x 30 cm

Dove si trova: Musée d’Orsay, Parigi

Il quadro è postumo rispetto a qualche opera che abbiamo già analizzato di Renoir, e differentemente da quelle, questa è stata commissionata nel 1882 dal mercante Paul Durand-Ruel, il quale voleva che il pittore si concentrasse in particolare sul tema del ballo in luoghi pubblici (feste da ballo per intenderci). Dopo che il quadro è stato realizzato e completato, questo è stato esposto nel 1883 dallo stesso mercante per la prima volta e successivamente lo ha tenuto con se fino alla morte del suo creatore, ovvero nel 1919, anno in cui Renoir è deceduto.

Cerchiamo di capire qualcosa in più ora sul piano tecnico dell’opera: bisogna tener conto che il quadro ha delle forti influenze italiche, dovute al fatto che nel 1881, Renoir effettuò un viaggio in Italia e ne rimase particolarmente colpito, e nel dettaglio, rimase affascinato dalla figura di Raffaello, da cui trasse importanti elementi che servirono a caratterizzare il suo unico stile.

Il soggetto di Ballo in campagnacome già detto in precedenza, è una coppia che sta effettivamente danzando all’ombra di un albero di castagno; anche le due persone che sono protagoniste del quadro sono Paul Lhôte Aline Charigot (quest’ultima ricorre spesso come soggetto all’interno delle tele di Renoir), rispettivamente un amico e l’altra la futura moglie del pittore.

Lo spazio che viene riservato alle due figure è davvero molto, a tal punto che il vestito di Aline non entra completamente nella tela; nonostante la grandezza dei due personaggi possiamo notare comunque qualche elemento dell’ambientazione, come il tavolo che si trova alla destra della donna con qualche oggetto sopra e si può notare anche un cappello che si trova invece nella parte in basso a destra sul suolo.

L’atmosfera di Ballo in campagna è felice e spensierata, e lo si può intuire dai colori che vengono utilizzati dallo stesso pittore, ovvero il rosso e il giallo che troneggiano sia nell’abbigliamento di Aline che anche sul ventaglio di quest’ultima, e anche dal sorriso di quest’ultima che lancia allo spettatore, dando la sensazione che quest’ultimo si trovi proprio lì ad osservare la coppia che si diverte mentre balla.

Dario Mastromattei

Sono un blogger assetato di conoscenza curioso ed appassionato di tecnologia. Il mio obiettivo è far scoprire i capolavori e la bellezza dell'arte nell'era digitale.

2 Risposte

  1. Sandra ha detto:

    Molto bello!

  2. Monica ha detto:

    Adoro questo quadro, ne ignoravo le dimensioni, è davvero grande! E solitamente va di coppia con “Danse a la ville”, altrettanto bello!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *