Anima Dannata di Gian Lorenzo Bernini: analisi completa della scultura

Approfondiamo la nostra conoscenza delle innumerevoli opere di Gian Lorenzo Bernini attraverso la scoperta di un mezzobusto realizzato da questo eccellente scultore, le cui grandi opere hanno rivoluzionato tutto il Seicento ed i secoli successivi. L’opera che andremo a scoprire oggi è intitolata “Anima Dannata” ed è strettamente correlata ad un altro lavoro che abbiamo già studiato del Bernini, intitolato Anima Beata“.

Nell’articolo di oggi, parleremo approfonditamente dell'”Anima Dannata” del Bernini: prima di tutto riporteremo le informazioni tecniche quali dimensioni, data di realizzazione, materiali utilizzati e molto altro; successivamente realizzeremo una breve descrizione che ci permetterà di conoscere al meglio l’opera di Gian Lorenzo Bernini.

Damned Soul Bernini analisi

“Anima Dannata” Gian Lorenzo Bernini

Data di realizzazione: 1619

Dimensioni: NON DEFINITE

Dove si trova: Palazzo di Spagna, Roma

Questa “Anima Dannata” del Bernini, secondo molteplici studi, è stata realizzata nel 1619, dove lo stesso scultore doveva avere poco più che vent’anni ed andava via via affinando il proprio stile, mostrando però molti elementi che avrebbero contraddistinto il suo stile unico in futuro, consacrandolo come uno degli scultori più innovativi ed importanti di sempre.

Abbiamo pochissime informazioni relative alla storia che ha portato questo mezzobusto all’interno del Palazzo di Spagna a Roma, e sappiamo ancora meno riguardo il possibile committente di questo curioso lavoro, che si discosta dalla tipica produzione di sculture di tema cristiano del Bernini.

Analizzando questa “Anima Dannata”, si può notare fin da subito l’impossibile accostamento del soggetto ad un tema appartenente al mondo cristiano; molti credono, infatti, che non si tratti di un personaggio raffigurante il dolore in senso cristiano, ma piuttosto, sarebbe la riproduzione di un satiro, ovvero un personaggio appartenente alla mitologia greca.

L’espressione estremamente dettagliata del soggetto, con occhi sgranati, sopracciglia inarcate e la bocca spalancata denotano senza dubbio forte orrore sul volto del “satiro”, ma anche un po’ di sorpresa.

I lavori del Bernini hanno senza dubbio lasciato un’impronta importantissima all’interno del mondo della scultura del Seicento fino ai giorni nostri. Volete conoscere nel dettaglio le tecniche scultoree che hanno caratterizzato lo stile inconfondibile del Bernini? Ecco il libro che fa per voi.

Scopri “Bernini scultore. La tecnica esecutiva” su Amazon

Qualora voleste aggiungere delle informazioni per comprendere al meglio questo lavoro, potete lasciare un commento qui sotto ed inseriremo il vostro intervento all’interno dell’articolo quanto prima.

Dario Mastromattei

Sono un blogger assetato di conoscenza curioso ed appassionato di tecnologia. Il mio obiettivo è far scoprire i capolavori e la bellezza dell'arte nell'era digitale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *