Salomè con la testa del Battista di Caravaggio: analisi completa dell’opera

Voglio parlarti di una coppia di quadri di Caravaggio. I lavori di questo artista sono alcuni dei capolavori più grandi della storia dell’arte moderna, e molti di essi, sono nati proprio a causa della travagliata vita di Caravaggio. Molte delle tele dipinte da Michelangelo Merisi sono di tema biblico, e le due opere di cui voglio parlarti ora fanno parte di questa fortunata serie: il loro titolo è Salomè con la testa del Battista.

Leggendo questo articolo, conoscerai tutti i dettagli dei due quadri di Caravaggio con questo titolo: storia, descrizione, data di realizzazione, dimensioni, dove sono esposte le tele e le sostanziali differenze tra i due lavori.

Salomè con la testa del Battista Londra Madrid Caravaggio analisi

Salomè con la testa del Battista (versione Londra a sinistra e versione Madrid a destra)

Di solito, quando si parla della Salomè con la testa del Battista di Caravaggio, si fa riferimento alla tela esposta alla National Gallery di Londra, ma devi sapere che c’è un quadro omonimo, sempre di Caravaggio, conservato a Madrid, al Palacio Real.

VERSIONE DI LONDRA

Leggendo questa sezione, conoscerai tutti i dettagli della versione londinese della Salomè con la testa del Battista. Scoprirai le caratteristiche stilistiche che rendono questa tela un capolavoro e ti mostrerò il significato dei particolari disposti nella scena.

Salomè con la testa del Battista Caravaggio Londra analisi

“Salomè con la testa del Battista” (Londra) Michelangelo Merisi da Caravaggio

Data di produzione: 1607

Dimensioni: 91,5 x 106,7 cm

Dove si trova: National Gallery, Londra

Devi sapere che questa tela è stata scoperta recentemente: nel 1959, quando è stata ritrovata, sono stati effettuati molti studi che hanno portato a credere che l’autore fosse Caravaggio.

Volendo collocare questa tela nella complessa vita di Caravaggio, possiamo ipotizzare che appartenga al periodo successivo alla sua permanenza a Malta da parte dell’artista, che si era recato lì per scappare dai guai in cui si trovava.

Questa tela di Giovanni Battista Caravaggio avrebbe dovuto costituire una sorta di dono per il Gran Maestro dei Cavalieri di Malta, necessario per farsi perdonare per gli ulteriori problemi che aveva causato mentre era lì (e che comportò la sua espulsione).

LEGGI ANCHE:  Caravaggio in mostra a Roma dal 24 Marzo al 3 Luglio 2016

D’altro canto, altrettanti studiosi ritengono che il quadro inviato al Gran Maestro dei Cavalieri sarebbe la versione madrilena della Salomè con la testa del Battista, e non questa di Londra.

Detto ciò, concentriamoci sul quadro ed analizziamo la scena. I protagonisti sono tre: in primo piano sulla sinistra, c’è Salomè con un vassoio su cui sta per essere poggiata la testa del Battista; alle spalle della donna, nascosta nella penombra, c’è una donna anziana, identificabile come Erodiade, moglie di Erode e madre di Salomè; a destra, c’è il boia, che tiene tra i capelli la testa mozzata del Battista.

Particolare Salomè Londra Caravaggio analisi

Particolare di Salomè

Guarda com’è rappresentata da Caravaggio Salomè: il suo sguardo è rivolto verso lontano dalla testa del santo, come se fosse disgustata dall’omicidio.

Particolare Erodiade Caravaggio Salomè con testa Battista analisi

Particolare di Erodiade

Erodiade, invece, guarda direttamente il Battista, quasi compiaciuta del risultato, poiché, come narrato nell’Antico Testamento, fu proprio lei ad ordinare a Salomè di chiedere ad Erode la testa del Battista.

Inoltre, il gioco di luci è fondamentale in questa scena: è proprio l’alternarsi del chiaroscuro che ci permette di apprezzare alcuni dettagli fondamentali, come il volto del boia.

Particolare assassino Salomè con testa del Battista Flagellazione di Cristo Caravaggio analisi

Particolare dell’assassino (a sinistra)/ particolare dell’aguzzino nella Flagellazione di Cristo (a destra)

Perché è così importante il volto dell’assassino? Se guardi con attenzione, noterai che quest’uomo ha posato anche per il ruolo dell’aguzzino nel La Flagellazione di Cristoaltro capolavoro di Caravaggio.

I colori utilizzati per la composizione sono gli stessi che l’artista utilizzò per realizzare molti capolavori mentre si trovava a Napoli.

VERSIONE DI MADRID

In questa parte, puoi leggere tutto quello che riguarda il quadro su Salomè ed il Battista conservato ora in Spagna: data di realizzazione, storia, dimensioni, analisi e molto altro.

Salomè con la testa del Battista Caravaggio Madrid analisi

“Salomè con la testa del Battista” (Madrid) Michelangelo Merisi da Caravaggio

Data di produzione: 1609

Dimensioni: 116 x 140 cm

Dove si trova: Palacio Real de Madrid, Madrid

Se hai letto il paragrafo precedente, saprai che molti ritengano che sia proprio questo quadro madrileno, l’offerta di perdono che Caravaggio inviò al Gran Maestro dei Cavalieri di Malta per eliminare i problemi che portarono alla sua espulsione dallo stesso ordine nel 1608.

LEGGI ANCHE:  La conversione della Maddalena di Caravaggio: analisi completa del quadro

Adesso, guarda bene il quadro. I protagonisti sono sempre tre: Salomè, Erodiade alle sue spalle e l’esecutore del Battista.

Differentemente dalla versione di Londra, qui i personaggi sono disposti in modo diverso: la donna giovane a sinistra è Salomè, ritratta qui con un mantello sulle spalle di colore rosso e che risalta in modo particolare rispetto a tutto il resto; alle spalle della ragazza, c’è Erodiade, molto simile alla controparte londinese, mentre l’esecutore è completamente diverso.

Salomè ha tra le mani un piatto d’argento, su cui è posta la testa di Giovanni Battista.

Particolare Salomè Erodiade assassino Caravaggio Madrid analisi

Salomè (sinistra)/Erodiade (centro)/Assassino (destra)

Guarda l’espressione dei vari protagonisti: Salomè distoglie lo sguardo dalla violenta “offerta” e lo rivolge all’osservatore, con un’espressione a metà tra il disgusto e la fierezza; Erodiade e l’assassino invece sono silenziosi e fissano la  testa del Battista, quasi come se si sentissero in colpa per l’efferato omicidio commesso.

L’oscurità domina l’intera composizione, e dona un aspetto molto tenebroso a tutta la scena e, sommato all’espressione dei protagonisti, è una perfetta rappresentazione della malvagità e cattiveria presenti nell’animo umano.

Dario Mastromattei

Sono un blogger ed uno studente assetato di conoscenza. Mi piace scrivere di arte e tecnologia e voglio far conoscere al pubblico del web, i capolavori e la potenza dell'arte nell'era digitale.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *