Apollo e Dafne di Gian Lorenzo Bernini: analisi completa della scultura

Oggi scopriremo quello che viene considerato in assoluto il lavoro più importante di Gian Lorenzo Bernini, prolifico scultore del Seicento; la grande produzione di statue del Bernini lo ha portato ad essere uno degli artisti più influenti del suo tempo, fino a diventare uno dei più apprezzati anche nel mondo contemporaneo. In questo articolo ci occuperemo della più celebre tra le Bernini sculture , intitolata Apollo e Dafne .

In questo articolo parleremo di Apollo e Dafne Bernini: potrete trovare tutti i dettagli tecnici, approfondimenti, immagini e curiosità legate alla realizzazione di quest’opera, considerata in assoluto la scultura più famosa del Bernini, con protagonisti i celebri Dafne e Apollo .

 Apollo e Dafne - Gian Lorenzo Bernini

Anno di produzione: 1622-1625

Dimensioni: 243 cm (altezza)

Materiale utilizzato: Marmo

Dove si trova: Galleria Borghese, Roma

Oltre a delle altre sculture che hanno segnato la storia e che (fortunatamente) possiamo vedere ancora oggi al massimo del loro splendore, come ad esempio la Fontana dei Fiumi a Roma, ma anche il popolarissimo David Bernini, questo Apollo e Dafne è davvero una pietra miliare della storia della scultura seicentesca. Bernini Apollo e Dafne rappresenta senza dubbio l’opera più importante dello scultore, e rappresenta in modo schematico e semplice, l’eccezionale abilità dell’artista.

Il soggetto della statua del Bernini si richiama all’Apollo e Dafne mito che è stato tramandato dal popolo greco fin dall’antichità, e in particolare dal poeta Ovidio nelle sue Metamorfosi; ecco Apollo e Dafne riassunto: la ninfa Dafne, presa di mira dall’innamorato dio Apollo, chiede al padre Peneo, una divinità fluviale, di essere trasformata in alloro per sfuggire al dio che la insegue. La sua richiesta viene subito esaudita, e così la ninfa viene trasformata in alloro.

Apollo e Dafne Bernini non fa altro che rappresentare il momento di massimo pathos della storia, ovvero l’attimo in cui il corpo di Dafne sta mutando per diventare fronde e corteccia d’albero, proprio come richiesto a Peneo.

L’eccezionale bellezza dei due modelli “Apollo e Dafne” del Bernini, è reso soprattutto dalla loro umanità, rintracciabile nel terrore che viene rappresentato che si può scrutare negli occhi di Dafne; la ninfa comincia ad osservare il proprio corpo che cambia, e proprio nello sguardo e nell’espressione della protagonista, si può notare lo spavento legato alla sua improvvisa e progressiva trasformazione.

Di sicuro Apollo e Dafne Bernini è il capolavoro assoluto nella lunga produzione artistica di Gianlorenzo Bernini, il quale ha completamente rivoluzionato il proprio tempo attraverso la realizzazione di tantissime opere scultoree e non solo.

Per poter apprezzare al meglio “Apollo e Dafne”, qui sotto trovate una piccola galleria di immagini dell’opera, dove ogni scatto è stato realizzato da una posizione diversa, poiché per poter apprezzare al meglio ogni piccolo accorgimento del lavoro del Bernini è necessario girare attorno alla statua.

Per qualsiasi informazione aggiuntiva su Apollo e Dafne Bernini vogliate inserire, potete lasciare un commento qui sotto e noi provvederemo ad inserirlo all’interno di questo articolo quanto prima.

Dario Mastromattei

Studente di Storia dell'Arte e appassionato di tecnologia e arte. Attualmente studio all'Università "La Sapienza" con indirizzo studi storico-artistici.

2 Risposte

  1. Dino Mondoni ha detto:

    Ottima descrizione critica dell’opera. Bravo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Shares